1 maggio – San Giuseppe artigiano

Un santo per ogni lavoratore: le Acli scelgono proprio il primo giorno di maggio – in cui si ricorda san Giuseppe artigiano e la festa del lavoro – per inaugurare una nuova rubrica. Un appuntamento, dettato dal calendario, con la vita di uomini straordinari. Uno spazio che vuole mettere al centro il lavoro, i lavoratori e, soprattutto, la fede popolare. Uno spazio dedicato ai protettori delle categorie professionali.

 

San Giuseppe artigiano – Patrono dei lavoratori, carpentieri, economi, procuratori legali

 

Giuseppe fu lo sposo di Maria e padre putativo di Gesù. Uomo giusto, nato dalla stirpe di Davide, è l’ultimo patriarca che riceve le comunicazioni del Signore attraverso la via dei sogni. Nel Vangelo Gesù è chiamato “il figlio del carpentiere”’. In questa memoria di san Giuseppe si riconosce la dignità del lavoro umano, come dovere e perfezionamento dell’uomo, esercizio benefico del suo dominio sul creato, servizio della comunità, prolungamento dell’opera del Creatore, contributo al piano della salvezza. La festa di san Giuseppe è celebrata sia il 19 marzo sia il 1 maggio.

Nel 1955 papa Pio XII durante il decennale delle Acli, che coincideva con la festa dei lavoratori, istituì la festa di S. Giuseppe artigiano.

Guarda il video con papa Pio XII

1 maggio – San Giuseppe artigiano
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR