1000 economisti per la tassa sulla speculazione finanziaria

Hanno scritto una lettera per chiedere l’introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie, e l’hanno recapitata ai ministri delle Finanze del G20 radunati in questi giorni a Washington. Sono 1.000 economisti, provenienti da 53 paesi diversi, tra i quali 100 sono italiani. Insegnano nelle più prestigiose università, e  tra i firmatari appaiono: Jeffrey Sachs, direttore dell’Earth Institute, Colombia University e consigliere di Ban Ki Moon, segretario generale delle Nazioni Unite; Tony Atiknson, ricercatore senior al Nuffield College, Università di Oxford; Dani Rodrik, Professore di Economia Politica ad Harvard; Ha Joon Chang di Cambridge e Christian Fauliau, ex economista senior della Banca Mondiale.

Nella lettera consegnata nelle mani dei responsabili delle politiche fiscali per i paesi più sviluppati nel mondo, i mille economisti patrocinano la causa della TTF, l’imposta di piccola entità applicata all’enorme quantità di transazioni finanziarie sui mercati globali. Il gettitto di questa tassa, secondo i sostenitori, oltre a scoraggiare i movimenti speculativi più selvaggi, potrebbe contribuire da una parte a ridurre la massa di debiti dei singoli paesi, e dall’altra a favorire l’adozione di politiche di sostegno alle fasce più deboli della popolazione mondiale e di contrasto ai cambiamenti climatici.La lettera degli economisti è solo l’ultima, in ordine di tempo, di numerose iniziative a favore dell’introduzione di una tassa pensata non solo contro la speculazione finanziaria, ma anche a favore dello sviluppo sostenibile del pianeta. Associazioni e singoli cittadini, società civile e capi di Stato accolgono e sostengono con sempre maggior favore il percorso della TTF.La campagna per l’introduzione della TTF in Italia si chiama Zerozerocinque, e le Acli ne fanno parte sin dalla costituzione.

1000 economisti per la tassa sulla speculazione finanziaria
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR