16 giugno: “Colf e badanti: il lavoro dignitoso inizia in casa”

In occasione della Giornata internazionale delle lavoratrici e dei lavoratori domestici che si svolge il 16 giugno, le Acli Colf, in collaborazione con la Caritas Internationalis, organizzano per lo stesso giorno il convegno: “Colf e badanti: il lavoro dignitoso inizia in casa”.

L’appuntamento si terrà a Roma presso la Casa internazionale delle donne (via della Lungara 19, Roma), dalle ore 14.30 alle ore 19.00. Tra i temi che gli esperti approfondiranno, ci saranno le trasformazioni del lavoro domestico e di cura in Italia negli ultimi anni, i diritti e le prestazioni della Cassa Colf e dell’Inps e il rapporto tra il lavoro di cura e le migrazioni internazionali.

Introdurranno i lavori Raffaella Maioni, responsabile nazionale Acli Colf, Maria Suelzu, International Advocacy Officer Caritas internationalis, Francesca Koch, presidente della Casa internazionale delle donne, e Lidia Borzì, presidente Acli di Roma.

Nel panel “Lavoro domestico e di cura: dove stiamo andando’” interverranno Raffaella Sarti, docente all’Università di Urbino “Carlo Bo” e studiosa del lavoro domestico, Oliviero Forti, responsabile immigrazione Caritas italiana, Lorenzo Gasparrini, presidente Cassa Colf e Associazione Domina, e Rocco Lauria, direttore centrale per il Sostegno alla non autosufficienza, invalidità civile e altre prestazioni Inps.

La sezione “Esperienze e prospettive” vedrà gli interventi di Tatiana Nogailic, presidente Assomoldave, Svetlana Kovalska presidente Associazione donne ucraine in Italia, Flora Ventura del Filipino Women’s Council, Leeza di Caritas India, Elisabeth Tang, segretaria generale dell’International Domestic Workers Federation. Durante i lavori interverrà anche l’ambasciatrice della Repubblica di Moldova, Stela Stingaci.

Conclude i lavori Roberto Rossini, presidente nazionale Acli.

16 giugno: “Colf e badanti: il lavoro dignitoso inizia in casa”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR