25 maggio: un voto per cambiare l’Europa

I documenti della Presidenza nazionale Acli sul voto europeo e amministrativo.

Il duplice appuntamento elettorale di domenica 25 maggio costituisce per la Presidenza nazionale delle Acli, “un’occasione importante per tornare a riflettere sul ruolo delle istituzioni politiche, economiche e culturali, globali, intermedie e locali, anche alla luce del concetto di “poliarchia” che – ripreso nell’enciclica di Papa Ratzinger Caritas in Veritate – contempla una divisione sociale dei poteri capaci di sviluppare in modo operoso il pluralismo e il bene comune, riscrivendo la grammatica della sussidiarietà”.

Con il voto per il rinnovo del Parlamento europeo i cittadini hanno la possibilità di “scegliere il superamento delle politiche di austerità e per ridare invece centralità al lavoro ed agli investimenti per lo sviluppo“.

Per questi obiettivi le Acli auspicano “una partecipazione responsabile al voto del 25 maggio per impedire l’affermazione dei movimenti antieuropei e riavviare la costruzione degli Stati Uniti d’Europa quale elemento decisivo per le sorti del mondo e del nostro Paese”.

{phocadownload view=file|id=911311|text=”L’Europa che verrà è anche nelle nostre mani”|target=s}

{phocadownload view=file|id=911310|text=”Il Comune, comunità di prossimità. Le Acli attori di solidarietà e sussidiarietà”|target=s}

25 maggio: un voto per cambiare l’Europa
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR