29 novembre: il mondo intero marcia per il Clima

Le Acli, unitamente alla Coalizione Italiana per il Clima, rispondono all’appello della Global Climate March organizzata alla vigilia della COP 21 di Parigi, e partecipano alla marcia di Roma del 29 novembre 2015.

Le Acli partecipano con convinzione e determinazione alla mobilitazione di domenica 29 novembre 2015 promossa dalla Coalizione Italiana “Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima” cui hanno aderito oltre 150 organizzazioni della società civile.

I fatti accaduti nelle ultime settimane a Parigi, a Beirut, Baghdad, Bamako e nei cieli del Sinai e in Turchia confermano quanto asserito e denunciato da Papa Francesco a riguardo della terza guerra mondiale, combattuta a pezzi, in diverse aree del Pianeta. L’Organizzazione delle Nazioni Unite ci ricorda che negli ultimi 20 anni si contano più di 600.000 vittime, e circa il 90% di queste nei Paesi poveri e in via di sviluppo.

I temi della pace, oggi più che mai, non possono essere disgiunti dai temi della povertà, dell’ambiente e dei mutamenti climatici che in questi ultimi anni sono stati elementi importanti e decisivi delle migrazioni di massa.
La manifestazione di Roma è la tappa italiana della Marcia Globale per il clima, che attraverserà i cinque continenti e oltre 150 capitali mondiali alla vigilia della COP 21 di Parigi, nella quale i Capi di Stato di oltre 190 Paesi negozieranno per trovare un accordo fondamentale per il clima e per il futuro del mondo. Essa è stata preceduta da altre iniziative di avvicinamento significative, alle quali hanno partecipato diverse sedi territoriali delle ACLI.

Anche in questa occasione, le Acli confermano pertanto il loro impegno per la pace e la giustizia sociale, mobilitandosi insieme alla coalizione italiana e a migliaia di cittadini di tutto il mondo per chiedere ai propri rappresentanti un accordo che assicuri un futuro giusto e sostenibile per tutto il pianeta, per eliminare le emissioni di gas serra, per uscire dall’era del fossile e limitare il riscaldamento globale.

Di seguito, il comunicato stampa diffuso dalla Coalizione Italiana per il clima

29 novembre: il mondo intero marcia per il Clima. Se non ora quando?
Da Sydney a Città del Capo, passando per Tokyo, Dakha, Bagdad, Madrid e Roma,
cittadini di tutto il mondo si mobilitano per il clima

COSA: Mentre governi di oltre 190 paesi si stanno per riunire a Parigi per trovare un accordo fondamentale per il clima, cittadini di tutto il mondo si mobilitano per chiedere ai propri rappresentanti che quell’accordo sia ambizioso e che possa assicurare un futuro giusto e sostenibile per tutto il pianeta. Il 29 Novembre prima dell’apertura delle negoziazioni, cittadini da San Paolo a Nuova Delhi, passando per Kampala, Melbourne, Ottawa e Tokyo scenderanno a migliaia in piazza in oltre 2000 eventi in più di 150 paesi (per maggiori informazioni http://globalclimatemarch.org/en/).
Dopo i tragici attentati di Parigi, il governo francese ha cancellato la manifestazione nella propria capitale. E da Parigi i cittadini hanno lanciato un appello a tutto il resto del mondo: “Marciate anche per noi”, e in solidarietà con tutti coloro che hanno sofferto attentati terroristici a Beirut, Baghdad e Bamako.
Studenti, sindacati, gruppi religiosi, organizzazioni della società civile e cittadini si mobiliteranno nei 5 continenti per la Marcia Globale per il Clima del 29 novembre, un giorno prima che i Capi di Stato aprano le negoziazioni. Assieme chiederemo ai nostri governi un accordo ambizioso e vincolante per un mondo alimentato al 100% da energia pulita entro il 2050.
In Italia ci sarà la manifestazione nazionale a Roma con un corteo che partirà alle ore 14 da Campo de Fiori per poi convergere in un concerto a Via dei Fori Imperiali. Alle 17 partirà il Concerto per il Clima, presentato da Massimo Cirri e Simona Zambotti, che vedrà alternarsi sul palco Bandabardò, Dolcenera, Meganoidi, Tetes de Bois, Kutzo, Sandro Joyeaux e molti altri.

QUANDO: 29 Novembre 2015

DOVE: Roma, piazza Campo de’ Fiori – ore 14.00 – Via dei Fori Imperiali – ore 17.00 Concerto per il Clima

PERCHÈ: Il 30 novembre inizia a Parigi la COP21, il più importante vertice sul clima del decennio che dovrà definire un nuovo piano per fermare un clima ormai impazzito. Esiste solo una soluzione al cambiamento climatico: eliminare le emissioni di gas serra. I governi di tutto il mondo dovranno dunque giungere ad un accordo equo e legalmente vincolante, che consenta di limitare il riscaldamento globale almeno al di sotto di 2°C e acceleri la transizione verso la decarbonizzazione. Mentre Parigi sarà blindata, nel resto del mondo cittadini invaderanno le strade chiedendo un mondo alimentato al 100% da energie pulite, assicurandosi che la voce dei popoli del mondo sia sentita e ascoltata nelle stanze del vertice parigino.

29 novembre: il mondo intero marcia per il Clima
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR