A Terra Futura i progetti di un mondo diverso possibile

Apre venerdì 25 maggio la nona edizione della rassegna “Terra futura“, mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità ambientale, economica e sociale, a Firenze, alla Fortezza da Basso fino a domenica 27 maggio 2012. L’evento è promosso da: Fondazione culturale Responsabilità etica per il sistema Banca Etica, Regione Toscana e Adescoop-Agenzia dell’economia sociale, insieme ai partner Acli, Arci, Caritas Italiana, Cisl, Fiera delle Utopie Concrete e Legambiente.Questa edizione vuole rimettere il lavoro al primo posto, ricostruendo su nuove basi il sistema economico-produttivo attraverso una vera e propria riconversione ecologica e sociale e declinando intorno ad esso anche il modello di relazioni, di democrazia e di comunità per un futuro migliore. Il tema del lavoro sarà declinato attorno a diversi filoni tematici, fra i principali: lavoro e legalità; lavoro e crisi; lavoro e benessere; lavoro e sviluppo sostenibile; lavoro e finanza. Numerosi i grandi ospiti attesi, tra cui:Mario Agostinelli, portavoce per il Contratto mondiale per l’energia e il clima, Ugo Biggeri, presidente di Banca popolare etica, Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl, Corrado Clini, ministro dell’Ambiente, Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, Esther Guluma, neoeletta presidente di Fairtrade International, Pat Roy Mooney, portavoce delle organizzazioni della società civile globale, Corrado Passera, ministro dello Sviluppo economico, Matteo Renzi, sindaco di Firenze, Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, Vandana Shiva, teorica dell’economia sociale, Nichi Vendola, governatore della Regione Puglia, Stefano Zamagni, economista, e molti altri ancora. 
A far conoscere questa nuova direzione possibile e già percorsa da tanti, numerose le buone pratiche di vita, di governo e di impresa che saranno in mostra alla Fortezza da Basso: prodotti, progetti e percorsi frutto di azioni e scelte di vita di singoli cittadini, enti locali e istituzioni, di associazioni e organizzazioni del non profit, infine di imprese eticamente orientate che nella sostenibilità hanno trovato anche una leva competitiva.
Diverse le sezioni tematiche della vasta rassegna espositiva (con le ultime novità del settore e i progetti più innovativi) dedicate a finanza etica ed economia sostenibile, consumo critico, impegno per la pace, welfare, e solidarietà sociale, cittadinanza attiva e partecipazione, tutela dell’ambiente, energie alternative, commercio equo, agricoltura biologica, edilizia e mobilità sostenibili e turismo responsabile. Circa 600 le aree della rassegna espositiva e oltre 5.000 enti rappresentati; 280 gli appuntamenti culturali che vedranno l’intervento di quasi 1.000 relatori.
Il programma delle iniziative promosse dalle Acli.

A Terra Futura i progetti di un mondo diverso possibile
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR