Achille Grandi, un uomo delle Acli

Il 28 settembre di settant’anni fa moriva Achille Grandi, politico italiano, sindacalista, fondatore e primo presidente delle Acli. È stato indubbiamente uno dei protagonisti della storia sociale politica dell’Italia contemporanea. Fu segretario della Cil dal 1922 al 1926 e deputato nelle file del Partito popolare. Dopo il forzato silenzio nel ventennio fascista, ricoprì l’incarico di Segretario della Cgil unitaria dal 1944 al 1946. Fondò e fu primo presidente delle Acli e partecipò ai lavori dell’Assemblea costituente, in cui ricoprì la carica di vicepresidente. Il fondatore delle Acli ha vissuto in tempi molto difficili, pagando di persona per la sua coerenza.

Era il primo di quattro figli di una modesta famiglia operaia. Suo padre faceva il “tintore”, ma quando perse il lavoro Achille, appena undicenne, dovette andare a lavorare in una tipografia. A meno di venti anni si distingue come animatore dell’associazionismo sindacale nella città di Como. Nel 1905 è tra i fondatori di un giornale cattolico La vita del popolo. L’anno successivo, nel 1906, si sposa con Maria Croato che rimarrà sua fedele compagna per tutta la vita. Nel 1908 viene eletto consigliere provinciale e comunale di Como.

Durante la prima guerra mondiale si schierò su posizioni neutraliste. Achille Grandi fu tra i pochi del Partito popolare che non votarono a favore del governo Mussolini, formato all’indomani della marcia su Roma. Scelse con altri parlamentari (popolari, socialisti, repubblicani e comunisti) la strada dell’Aventino. Grandi era pienamente cosciente di ciò che attendeva l’Italia negli anni futuri, tanto è vero che il 2 agosto 1926 scrisse il suo testamento spirituale.
Così, a 43 anni, Achille Grandi si trovò disoccupato, politicamente e intellettualmente. Fu costretto a fare i lavori più disparati: amministratore del Caffè Carminati di piazza del Duomo, del ristorante Biffi e Grande Italia in Galleria a Milano. Furono dieci anni circa di estrema precarietà economica.
 
Intorno al 1940 Grandi prende parte ai primi incontri clandestini tra i cattolici di Milano. Nel 1942 il gruppo di Milano si incontrerà più volte con il gruppo di Roma di Alcide De Gasperi. Da questi incontri nascerà la futura Democrazia cristiana.
 
Negli stessi anni Achille Grandi maturò l’idea di dar vita a quelle che poi, con il nome coniato da Vittorino Veronese, si chiameranno le Acli. Dall’agosto del 1944, Grandi è presidente delle Acli, ma nel 14 febbraio 1945 rassegna le dimissioni. Le sue condizioni di salute si aggravano e per questo dovrà ricoverarsi presso l’ospedale Fatebenefratelli di Roma.
 
Achille Grandi rimane nella storia del nostro Paese come uno dei più limpidi interpreti del cattolicesimo sociale, artefice dell’unità sindacale, antifascista e democratico.
 
Fu uno dei più decisi fautori della scena sindacale unitaria, e il clima creatosi nella prima ricostruzione democratica consensuale delle tre grandi forze politiche e sociali, permise alle Acli di superare le diffidenze iniziali di buona parte delle forze di sinistra e di giocare un ruolo di animazione e crescita popolare della coscienza civile tra i lavoratori nella breve stagione della Costituente.
 
La sua figura verrà ricordata domani all’inizio dei lavori della Camera e del Senato. Nel pomeriggio, verrà celebrata una messa nella sede nazionale delle Acli.

Achille Grandi, un uomo delle Acli
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR