Acli: nuova versione per sito e rivista

Il sito web e la rivista delle Acli si rinnovano. Le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani hanno presentato  a Roma la nuova edizione della storica testata “Azione Sociale” e il restyling del sito www.acli.it. L’appuntamento è stato aperto da un intervento del giornalista e scrittore Sergio Rizzo sul tema “informazione e democrazia”. Al suo fianco il presidente nazionale delle Acli, Andrea Olivero, e il responsabile per la comunicazione dell’associazione, Roberto Rossini.

Sergio Rizzo: «Informazione e democrazia, in Italia sistema malato»L’autore (con Gian Antonio Stella) de “La Casta” e dell’ultimo libro di inchiesta “Vandali” – su “L’assalto alle bellezze d’Italia” – ha parlato di un sistema dell’informazione «malato, condizionato, profondamente inquinato dalla politica, che non potrà andare avanti così ancora a lungo. Sarà probabilmente il mercato a costringerlo a cambiare». Rizzo ha commentato con amarezza la partenza di Michele Santoro dalla Rai: «Un Paese ha bisogno di voci critiche. La stampa nasce per questo. Sarebbe poi assurdo dover pagare con l’aumento del canone la perdita di entrate pubblicitarie dovute all’uscita di Santoro». Si è detto però «fiducioso della risposta dal basso di lettori e telespettatori». Con la globalizzazione e le nuove tecnologie, ha aggiunto, «la domanda di informazione cresce, la gente utilizza altri strumenti. L’informazione diffusa avrà un grande sviluppo, a vantaggio e beneficio della democrazia».   Andrea Olivero: «Informazione non solo diritto, ma dovere di ogni cittadino»Il presidente delle Acli, Andrea Olivero, ha parlato dell’informazione «non solo come diritto, ma anche come dovere imprescindibile di ogni cittadino, dai cui dipendono scelte e comportamenti determinati per il bene comune. L’informazione, dunque, come elemento cardine della cittadinanza attiva e della democrazia partecipativa». Ma la fiducia dei cittadini – ha ammonito – il loro desiderio di partecipazione, sono direttamente proporzionali al livello di trasparenza che l’informazione, ma soprattutto le istituzioni sapranno garantire».   La nuova edizione della rivista delle Acli. Azione sociale, che nasce come testata nel 1949, si trasforma da mensile a bimestrale di approfondimento sui temi del lavoro, famiglia, welfare, terzo settore, fisco, previdenza, formazione professionale. «Uno strumento – spiega Roberto Rossini, responsabile della comunicazione Acli – che vuole valorizzare il patrimonio di riflessione e di competenze del sistema Acli e metterlo a disposizione di quanti si occupano di questi temi: nel mondo istituzionale ed ecclesiale, tra i dirigenti territoriali dell’associazione e gli amministratori locali». Il primo numero di Azione sociale, rinnovato anche nella formato e nella grafica, dedica il primo piano ai “nuovi lavori” – precari, immigrati… – e alle proposte delle Acli per una nuova copertura previdenziale.   Il restyling del sito. Contemporaneamente alla nuova rivista, è da oggi on line oggi la nuova versione del sito www.acli.it, pensata per rendere immediatamente accessibili – dall’home page – la grande quantità di contenuti, notizie, iniziative e appuntamenti prodotti e promossi quotidianamente dal sistema Acli, sia a livello nazionale che locale. Oggi il sito è raggiunto mediamente da 25mila visite e 16mila utenti unici ogni mese. L’iscrizione alla newsletter AcliOggi consente un aggiornamento settimanale sulle novità che riguardano l’associazione. L’area stampa permette ai giornalisti di trovare tutte le ultime notizie – i comunicati, le dichiarazioni, gli articoli, le interviste più significative – riguardanti le Acli nazionali.     

Acli: nuova versione per sito e rivista
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR