Acqua bene comune. Dalla Patagonia all’Italia, la lotta dei Mapuche e di mons. Infanti

Si è svolto il 28 aprile scorso, presso la sede nazionale delle ACLI in Roma, l’incontro “Acqua, bene comune o risorsa privata? Cosa accade in Patagonia”, in occasione della visita in Italia della delegazione cilena della campagna “Patagonia senza dighe”.Promosso dai Dipartimenti “Pace e Stili di Vita” e “Rete Mondiale Aclista”, dall’Area Immigrazione, dalle Acli Colf e da IPSIA, in collaborazione con il Comitato Italiano Patagonia Senza Dighe, l’incontro ha affrontato una questione che in Italia e nel mondo sta mobilitando milioni di persone: il passaggio di fatto dell’acqua – elemento essenziale alla vita stessa degli esseri umani – da “bene comune” a merce, con la conseguente sottrazione delle risorse idriche alla disponibilità delle comunità e il loro utilizzo a fini economici e speculativi, nella maggior parte dei casi collegato a gravi squilibri ambientali…Per saperne di più, vai al sito della FAI

Acqua bene comune. Dalla Patagonia all’Italia, la lotta dei Mapuche e di mons. Infanti
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR