Acqua pubblica: il governo rispetti il referendum

“La decisione presa dal Consiglio dei ministri di impugnare alcune tra leggi provinciali e regionali, tra le quali quella della Regione Lazio, sull’acqua pubblica rappresenta un fatto grave per diversi ordini di ragioni – afferma Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli Le Acli sono state tra i promotori del referendum del 2011 nel quale la maggioranza assoluta del corpo elettorale, il supremo organo sovrano della Repubblica, è bene ricordarlo, si è pronunciato per la gestione pubblica dell’acqua.

Non possiamo dunque che guardare con stupore ed incredulità alla via dell’impugnativa intrapresa dal Governo che entra in conflitto con una decisione sovrana del popolo italiano, intervenendo su quelle leggi del governo locale che danno limpida e coerente attuazione all’esito del referendum sull’acqua.

Invitiamo l’Esecutivo – prosegue Bottalicoa riconsiderare questa scelta anche per un’altra fondamentale ragione. Alcune delle motivazioni addotte dal ministro per gli Affari regionali Lanzetta circa l’incostituzionalità delle leggi locali sull’acqua prese in considerazione, in particolare quella della Regione Lazio, delineano un quadro triste e preoccupante per la democrazia. Esse, infatti, fanno riferimento ad alcuni commi dell’art. 117 della Costituzione sulla tutela dei mercati finanziari e della concorrenza.

Ogni volta che i cittadini hanno la percezione che il potere politico, a qualsiasi livello istituzionale, si comporta più da esattore per conto dei grandi interessi della finanza speculativa che da costruttore del bene comune, viene meno un pezzo di credibilità e di fiducia nelle istituzioni, di cui proprio non si avverte il bisogno in un momento in cui queste già sono messe a dura prova dalle inchieste sull’Expo e sul Mose di Venezia.

Con la motivazione della tutela della concorrenza si intende forse ripristinare parti del decreto Ronchi, abrogato dal referendum che garantiva un prelievo certo di almeno il 7% agli “investitori” nel commercio dell’acqua in aggiunta ai costi effettivi del servizio?

E non ci conforta nemmeno sapere – conclude Bottalicoche la direzione intrapresa dal Governo possa risultare in sintonia con il rispetto «dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali» (art 117 della Costituzione).

Anzi questo costituisce un ulteriore motivo di allarme. Bisogna valutare con grande attenzione quel quadro giuridico-istituzionale creato nel corso degli anni dalla Commissione europea e che potrebbe esser di molto aggravato dalla stipula del Trattato di libero scambio transatlantico tra Ue ed Usa (Ttip), che permette a pochissimi grandi operatori internazionali di gestire in regime di oligopolio beni, risorse, servizi per loro natura pubblici, contribuendo all’impoverimento delle famiglie, al depauperamento dei bilanci degli enti pubblici e rendendo più onerose le stesse attività imprenditoriali produttive”.

Acqua pubblica: il governo rispetti il referendum
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR