Acquisto casa: Detrazione anche senza rogito

Nel 2013 ho stipulato un preliminare di vendita con un’agenzia immobiliare per l’acquisto di una casa. Posso detrarre la spesa nella prossima dichiarazione dei redditi? Firmerò il rogito soltanto a settembre 2014.

Su tale questione l’Agenzia delle Entrate si è espressa con la Risoluzione 26/E del 30 gennaio 2009, rispondendo a un’analoga domanda posta da un contribuente che chiedeva appunto se fosse possibile detrarre le spese di un preliminare di vendita in assenza della firma del rogito vero e proprio.

In questo caso l’indicazione fornita dalle Entrate è a favore del contribuente, difatti, si legge nel documento, “qualora sia stato stipulato un compromesso di vendita e, contestualmente, il promissario acquirente abbia pagato il compenso all’agenzia immobiliare, la detrazione d’imposta (19% su un limite massimo di spesa pari a 1.000 euro, ndr) compete a condizione che il compromesso di vendita sia stato regolarmente registrato. Ciò in quanto la registrazione del contratto preliminare di vendita formalizza l’impegno alla stipula del contratto definitivo di acquisto”.

Di conseguenza, se il preliminare di vendita è stato regolarmente registrato e l’agenzia immobiliare ha rilasciato al richiedente una regolare fattura, egli nel 730/2014 potrà applicare la detrazione spettante calcolandola su un importo massimo di 1.000 euro, a condizione che la casa oggetto dell’acquisto venga adibita ad abitazione principale.

Per informazioni: www.cafacli.it

Acquisto casa: Detrazione anche senza rogito
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR