Alzati, ti chiama

28 ottobre 2012 – XXX Domenica tempo ordinario – Anno BChiedere pietà, misericordia, a chi siamo consapevoli può darcela con gioia, è segno di sapienza. Non è una umiliazione, ma il riconoscere la potenza che viene dall’autore della vita.Marco 10, 46-52In quel tempo, 46 mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. 47 Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».48 Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». 49 Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». 50 Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.51 Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». 52 E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Marco racconta qui l’ultimo episodio che coinvolge Gesù prima del suo ingresso a Gerusalemme. Gerico si trova ad est di Gerusalemme, a circa 30 chilometri, molto più in basso vicino al mar Morto, per cui occorre salire per giungere a Gerusalemme.
La folla accompagna Gesù, assieme ai discepoli, e lungo la strada c’è un cieco che chiede l’elemosina. Il frastuono è grande e il cieco lo sente benissimo. Sentendo che parlano di Gesù, Bartimeo non si alza, ma comincia a gridare in direzione di Gesù, essendo questo l’unico modo per farsi notare da lui. La richiesta che gli rivolge è chiara: egli implora pietà dal Figlio di Davide, dal messia che si attendeva in Israele. Egli sa che Gesù compie guarigioni e vuole domandare proprio questo a Gesù.
 
(leggi tutto nel documento correlato sotto l’immagine a sinistra)

Alzati, ti chiama
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR