Arezzo: “Trenitalia? Fuori i soldi”

Trenitalia investa su tutta la rete e non solo sull’Alta velocità. A chiederlo sono le Acli di Arezzo che invitano le Ferrovie dello Stato a reinvestire gli utili “in un servizio utile a tutta la comunità nazionale e non soltanto a coloro che risiedono nelle grandi città”.

“Il servizio ferroviario italiano – spiegano le Acli aretine – investe soltanto sull’Alta velocità, trascurando i treni regionali ed intercity che ogni giorno vengono utilizzati da moltissime persone. I locomotori e i vagoni utilizzati per allestire i convogli sono spesso sporchi e obsoleti, mentre i continui guasti al materiale e alla rete ferroviaria sono causa di ritardi frequenti e considerevoli.

Si prospetta un servizio di buona qualità soltanto per le grandi città d’Italia servite dall’Alta Velocità, mentre le stazioni medie e piccole, già oggetto di tagli negli anni passati e spesso prive di assistenza ai viaggiatori, vedono diminuire di anno in anno le fermate, con notevoli disagi per gli utenti”.

“Non fa eccezione la stazione di Arezzo-  lamenta l’associazione aretina – che negli anni ha visto sparire la sala d’aspetto ed un numero notevole di treni in direzione nord e sud. Tutto questo mentre il prezzo dei biglietti e degli abbonamenti continuava a salire annualmente con rincari ben superiori al tasso d’inflazione.

Recentemente, alcuni gravi disservizi hanno ricevuto ampia attenzione da parte delle cronache e delle autorità politiche, senza tuttavia che dalla dirigenza delle ferrovie arrivassero scuse formali o rassicurazioni sui futuri investimenti. Sembra, anzi, che l’orario del nuovo anno riservi ulteriori brutte sorprese, con la cancellazione di molti treni sia in direzione nord che in direzione sud”.

Per le Acli di Arezzo che “i responsabili del servizio ferroviario spieghino chiaramente all’utenza gli investimenti che verranno realizzati nel 2014, attraverso comunicazioni formali ed incontri pubblici”.

“I 380 milioni di euro di utili che il gruppo FS ha realizzato lo scorso anno – concludono le Acli – devono infatti essere reinvestiti in un servizio utile a tutta la comunità nazionale e non soltanto a coloro che risiedono nelle grandi città”.

Arezzo: “Trenitalia? Fuori i soldi”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR