Arriva il primo festival dello sviluppo sostenibile

Inizia il 22 maggio il primo festival dello sviluppo sostenibile dal titolo “Disegniamo il futuro. Cambiamo il presente” organizzato dal’Asvis, , l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile che al suo interno raccoglie oltre 160 aderenti tra cui anche le Acli. L’obiettivo è far conoscere i 17 obiettivi (SDGs) che l’Onu si è posta per il 2030 per rendere più sostenibile la vita sulla terra.

Secondo i dati dell’Osservatorio europeo sulla sicurezza, l’84% degli italiani è favorevole a politiche per lo sviluppo sostenibile ma il 77% non conosce l’Agenda 2030, che racchiude gli obiettivi e il 169 sotto-obiettivi dell’Agenda.

La manifestazione inizierà il 22 maggio a Napoli nel Palazzo reale di Napoli con il convegno “Italia 2030: che nessuno resti indietro!” sul tema delle disuguaglianze. All’incontro i parteciperanno i ministri dell’istruzione, della salute, dell’imprenditoria sostenibile e del welfare.

Il festival proseguirà fino al 7 giugno con oltre 200 eventi su tutto il territorio nazionale, decine di università e centinaia di scuole coinvolte, oltre 1000 speaker che parleranno di povertà, lavoro, educazione, diseguaglianze, energia, infrastrutture, cooperazione internazionale e ambiente.

La manifestazione – che rappresenta il principale contributo italiano alla Settimana dello sviluppo sostenibile che si svolge in Europa – si concluderà a Roma alla Camera dei deputati.

 

Il programma

Arriva il primo festival dello sviluppo sostenibile
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR