Bergamo: Votare per il bene comune

Più Europa, famiglie e bene comune sono le tre parole chiavi che usano le Acli di Bergamo per spingere i cittadini a votare alle elezioni europee e alle amministrative del 25 maggio.

A proposito delle votazioni per il Parlamento europeo le Acli nel loro documento scrivono: “Crediamo che in un mondo sempre più fluido e nel tempo della globalizzazione la scommessa sia condividere le sovranità, avviare un processo di Europa federale su materie e problemi che non possono essere più gestiti e risolti a livello nazionale. Condividere le sovranità condurrà a un’Europa migliore, ma anche a più Europa, all’avvio degli “Stati Uniti d’Europa”, in cui i diritti e le opportunità saranno maggiori dei vincoli e dei doveri che la comune cittadinanza comporta”.

Per quanto riguarda il voto alle amministrative le Acli di Bergamo invitano a votare quei candidati e quelle forze politiche che valorizzino la famiglia, promuovano il lavoro e la vocazione socio-economica del territorio, si occupino di fragilità sviluppando “dignitosi progetti di vita personali, familiari e comunitari”, ripensino a “quali possano essere i luoghi e le occasioni capaci di portare le diverse generazioni a scambiarsi parole impegnative le une di fronte alle altre”.

“Votiamo con lo sguardo alto, – concludono le Acli di Bergamo – lontano dai particolarismi: una comunità si costruisce attraverso il desiderio di essere parte, non di parte, inclusiva e accogliente verso le fragilità che ogni donna e uomo si portano nel cuore.
 

Bergamo: Votare per il bene comune
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR