Bologna: Sì a finanziamenti pubblici per asili privati

“Scuola paritaria non è sinonimo di scuola confessionale, bensì di libertà dei genitori nella scelta educativa della prole” con queste parole del presidente Filippo Diaco, le Acli di Bologna aderiscono “con convinzione” al coordinamento a favore del contributo comunale alle scuole paritarie. Il 26 maggio 2013 i bolognesi, in un refenredum consultivo, dovranno consigliare il comune sul modo migliore di usare le risorse pubbliche: per le scuole dell’infanzia comunali e statali o per quelle paritarie. Il referendum ha però solo valore consuntivo e non abrogativo. Le Acli provinciali sono per votare “No” e motiveranno questa scelta sullo speciale  della loro rivista L’apricittà. “Anche il sindaco Merla, che qualche mese fa è venuto a incontrare gli aclisti bolognesi, si è mostrato convinto sostenitore della sussidiarietà, specie nell’ambito dei servizi per la famiglia: ci auguriamo – ha concluso Filippo Diaco – che il sindaco mantenga questi buoni propositi”.

Bologna: Sì a finanziamenti pubblici per asili privati
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR