Bottalico: “Grati a Benedetto XVI. Un gesto radicato nello spirito del Concilio”

«La scelta del Santo Padre Benedetto XVI di rimettere il suo mandato di successore di Pietro – afferma Gianni Bottalico, presidente delle Acli – cade a cinquant’anni dall’apertura di quel Concilio cui egli partecipò appassionatamente e nel pieno dell’Anno della Fede: va quindi letto come una manifestazione di straordinaria onestà intellettuale e di un grande amore per la Chiesa, che è stato il segno di tutto il suo servizio come teologo, come Vescovo e come Pontefice. E di questo fulgido esempio tutti i credenti debbono essergli grati».

«Il gesto, di portata storica per la Chiesa Cattolica – prosegue Bottalico – in se stesso trova un suo radicamento nello spirito del Concilio Vaticano II, che ha riformato le modalità di esercizio della potestà nella Chiesa riconducendole alla logica apostolica del servizio, che è condizionato non dalla volontà di potere personale ma dalla consapevolezza di poter rendere tale servizio nel pieno delle forze fisiche e morali».

«Questo spirito del Concilio – conclude il presidente delle Acli –  ha guidato Sua Santità Benedetto XVI fino all’ultimo atto del suo pontificato».

A Castel Gandolfo in occasione dell’Incontro di studi 2011

Il discorso di Benedetto XVI ai dirigenti delle Acli del 27 gennaio 2006

Bottalico: “Grati a Benedetto XVI. Un gesto radicato nello spirito del Concilio”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR