Bottalico: “Dopo la Grecia cambiamo l’Europa”

Due sconfitti. Un muro (la dittatura della finanza capace solo a speculare) che comincia a sgretolarsi. Un’Unione europea da riformare sulla base dei valori dei fondatori (non a caso molti dei quali cattolici convinti, come Robert Schuman, Konrad Adenauer e Alcide De Gasperi). L’austerità da superare, a certe condizioni, benintenso, ma anche sapendo resistere a possibili ricatti futuri di Bruxelles. Gianni Bottalico conferma e rilancia. Parlando con Famiglia Cristiana, il presidente nazionale delle Acli ribadisce quanto detto a caldo, appena appresa la vittoria dei no. E allarga il discorso avanzando precise proposte da attuare a casa nostra. 

«Nella politica italiana si sente ora un coro unanime di critica all’austerità», afferma Gianni Bottalico. «Ma saranno credibili solo coloro che alle parole faranno seguire anche (e soprattutto) i fatti. Lo si capirà, ad esempio da come sarà articolata la legge di stabilità 2016, se conterrà, nel contempo, più investimenti per lavoro e sviluppo, più spesa sociale».

Leggi l’intervista integrale sul sito di Famiglia cristiana.

 

Bottalico: “Dopo la Grecia cambiamo l’Europa”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR