Brescia: Incontri su Dante per scoprire “le radici dell’Italia”

La passione amorosa li travolse in terra, la tempesta incessante li sposta da una parte all’altra all’inferno. Sono i lussuriosi che Dante ricorda nel canto V dell’inferno, quello dedicato a Paolo e Francesca, a Cleopatra, a Elena e Paride, a Tristano. Questi personaggi della storia saranno gli “ospiti” d’onore dell’incontro organizzato per il 29 novembre dalla Federazione anziani pensionati delle Acli bresciane insieme alla Società Dante Alighieri e al comitato locale della Fondazione Asm-A2a spa di Brescia all’interno del percorso “A colloquio con Dante Alighieri. Alle radici profonde della nostra Italia”, percorso composto da due appuntamenti.

Il primo, dedicato al V canto dell’inferno, si svolge il 29 novembre alle 16.00 nella sede delle Acli bresciane (Via Corsica 165, Brescia) e ha come tema “La schiavitù dei sentimenti – L’invincibile vittimismo”. Intervengono per l’analisi critica Flavia Rotellio Quinzani e come voce recitante Filippo Garlanda. La lettura del brano dantesco sarà accompagnata da musiche eseguite al pianoforte. Protagonisti del secondo appuntamento che si svolgerà il 20 dicembre alle 16.00 sempre nella sede delle Acli, saranno i golosi, descritti nel VI canto dell’inferno. Prendendo spunto da Dante, Flavia Rotellio Quinzani e Filippo Garlanda discuteranno con i partecipanti de “La brama del potere e la crisi della socialità”. Durante gli incontri, a entrata libera, saranno raccolti fondi per la popolazione ligure colpita dall’alluvione del 26 ottobre 2011. Per informazioni: tel. 0302294012, www.aclibresciane.it.

Brescia: Incontri su Dante per scoprire “le radici dell’Italia”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR