Brindisi: Diritto d’autore e creative commons

Creative commons e copy-left: come cambia il diritto d’autore. Questo il tema che affronterà il seminario “Vitamin Ccc (Copyleft e Creative Commons)”, promosso da un gruppo di giovani con la collaborazione di numerose associazioni tra cui le Acli brindisine.

L’incontro, gratuito, si terrà il 17 ottobre 2014 presso il Centro di aggregazione giovanile di Brindisi, Strada per Contardo, 60 – 72100 Brindisi, dalle ore 16.00 alle 20.00.

Interviene l’avvocato Simone Aliprandi, responsabile del progetto Copyleft-Italia.it e autore di alcuni libri sul diritto d’autore e sulla cultura open (rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft). Collabora con alcune cattedre universitarie nell’ambito dell’Informatica Giuridica e del Diritto della comunicazione.

La licenza Creative commons (Cc) rende possibile il riuso creativo di opere dell’ingegno altrui: è l’autore stesso che sceglie e comunica quali diritti riservarsi e a quali diritti rinunciare a beneficio dei destinatari. Per Copy left si intende un sistema di licenze attraverso le quali l’autore  indica ai fruitori dell’opera che essa può essere utilizzata, diffusa e spesso anche modificata liberamente, pur nel rispetto di alcune condizioni essenziali.

Brindisi: Diritto d’autore e creative commons
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR