Calcolo delle detrazioni

Come si calcolano le detrazioni in funzione del periodo di lavoro?
Le detrazioni per i lavoratori dipendenti e i pensionati devono essere rapportate al periodo di lavoro o di pensione.
Nel numero di giorni da includere per la detrazione vanno comprese le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi, mentre vanno sottratti i giorni per i quali non spetta alcuna retribuzione.
Nessuna riduzione è effettuata in caso di part-time, né in presenza di giornate di sciopero.

In presenza di contratti di lavoro a tempo determinato caratterizzati da di prestazioni “a giornata”, come succede per i lavoratori edili e i braccianti agricoli, le festività, i giorni di riposo settimanale e i giorni non lavorativi compresi tra la data di inizio e quella di fine del rapporto di lavoro sono determinati proporzionalmente al rapporto esistente tra le giornate lavorate e quelle previste come lavorative dai contratti collettivi nazionali di lavoro e dai contratti integrativi territoriali applicabili per i contratti a tempo indeterminato delle medesime categorie.
Per l’attribuzione di tali detrazioni, l’anno va sempre calcolato su 365 giorni anche quando è bisestile.
Le detrazioni competono nell’anno in cui i redditi sono assoggettati a tassazione.
Per determinare il numero di giorni per i quali si ha diritto alla detrazione per l’indennità speciale in agricoltura, il contribuente deve tener conto dei giorni per i quali è rimasto disoccupato (e non quelli che devono essere obbligatoriamente lavorati per conseguire il diritto alla predetta indennità), anche se riferibili ad anni precedenti, purché tali giorni trovino capienza nel limite massimo di 365.

Calcolo delle detrazioni
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR