Casa: Con cedolare secca si rinuncia a variazione Istat

Ho affittato un appartamento a contratto concordato 3+2 che il 30/11/2012 è stato automaticamente rinnovato. Devo comunicare l’aggiornamento Istat ma vorrei passare alla cedolare secca: posso passare anche per i redditi percepiti nel 2012? o posso farlo solo per il futuro (2013 e 2014)? se passo alla cedolare secca l’adeguamento Istat si azzera?
Per quest’anno, quindi (dal 30-11-2012 al 30-11-2013), non è possibile passare alla cedolare secca. Sul singolo anno di contratto, infatti, la tassazione deve essere omogenea, cioè applicata o con un regime o con l’altro. Si può invece passare alla cedolare secca a partire dal prossimo anno. La circolare 26/E delle Entrate del giugno 2011, specifica infatti che nel caso di contratti pluriennali “qualora non sia stata esercitata l’opzione in sede di registrazione del contratto, è possibile accedere al regime della cedolare secca per le annualità successive, esercitando l’opzione entro il termine previsto per il versamento dell’imposta di registro dovuta annualmente sull’ammontare del canone relativo a ciascun anno, vale a dire entro 30 giorni dalla scadenza di ciascuna annualità”. Per godere del regime sostitutivo della cedolare secca è obbligatorio, come prima cosa, comunicarlo tramite raccomandata all’affittuario. “La comunicazione – spiega il sito delle Entrate – deve contenere la rinuncia alla facoltà di chiedere, per tutta la durata dell’opzione, l’aggiornamento del canone di locazione, inclusa la variazione accertata dall’Istat”.
Per maggiori informazioni: www.caf.acli.it

Casa: Con cedolare secca si rinuncia a variazione Istat
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR