Catania: Incontri per la Giornata mondiale della discriminazione

Non a caso è stato scelto il 21 marzo, l’inizio della primavera, per celebrare la Giornata mondiale contro la discriminazione razziale, nata per ricordare i principi sottoscritti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, adottata dall’assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1948.Oggi più che mai quei principi di eguaglianza, libertà e dignità risultano adattati al contesto in cui ci troviamo a vivere, perché gli esseri umani, secondo quanto proclamato dall’art. 1 della Dichiarazione Universale dei diritti umani, “sono dotati di ragione e di coscienza e devono a gire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”.Per tale motivo le Acli di Catania hanno organizzato, presso l’istituto comprensivo G. Parini, un incontro sulla discriminazione razziale, perché la “scuola – secondo le parole del preside Giuseppe Adernò – è chiamata non solo ad evitare azioni di discriminazioni e di contrasti tra gli studenti di diverse razze, culture ed etnie, ma deve anche mettere in atto una puntuale azione educativa capace di produrre apprendimenti efficaci che modifichino il  proprio modo di pensare, di sentire e di agire nella relazione con gli altri”. Sarà presente all’appuntamento la responsabile nazionale dell’Unar e del dipartimento delle Pari opportunità della Presidenza del consiglio dei ministri, Olga Marotti, che attraverso documenti e immagini affronterà la spinosa questione antirazziale, cogliendo proprio nella scuola la possibilità di “piantare i semi” di una nuova società civile.Le celebrazioni seguiranno poi alle ore 15.30, presso il Palazzo della Cultura (Platamone) a via Landolina, con un convegno di studio nel corso del quale verranno analizzati gli strumenti normativi, le procedure giurisdizionali e le strategia di intervento affinché ogni individuo goda della libertà e dei diritti che gli spettano in quanto membro “della famiglia umana”.Per informazioni: tel. 0952503240

Catania: Incontri per la Giornata mondiale della discriminazione
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR