Chiedere la sapienza e trovare la vita

Vangelo – Luca 14,25-33
In quel tempo, siccome 25 una folla numerosa andava con lui. Egli si voltò e disse loro: 26 «Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. 27 Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.L’amore per Dio è superiore all’amore per la famiglia e per la propria vita, perché è da Dio che noi riceviamo quella e questa. Essere discepolo di Gesù vuol dire poter offrire la propria vita, che è dono del Signore, a favore dei fratelli, come ha fatto Gesù stesso per noi. E’ in questo amore che poi possiamo amare la famiglia e la nostra vita, ciò che ci è di più caro. ([downloadacli menuitem=”334″ downloaditem=”922″ direct_download=”true”]leggi tutto[/downloadacli])Nella XXIII domenica del tempo ordinario dell’anno C (5 settembre 2010) siamo invitati da Paolo alla delicatezza piena di amore per la libertà dell’altro, che diventa sapienza di vita per essere veri discepoli di Gesù.

Chiedere la sapienza e trovare la vita
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR