Colf a ore variabili e calcolo delle ferie

Ho assunto una “colf a ore” con un orario molto variabile: in base alle esigenze della mia famiglia può capitare dei mesi in cui la colf svolge 10 ore settimanali e dei mesi in cui ne arriva a fare addirittura anche 25 ore settimanali. Come devo calcolare le ferie? Sulla base di quale retribuzione?

L’art. 18 del Ccnl stabilisce che “indipendentemente dalla durata e dalla distribuzione dell’orario di lavoro, per ogni anno di servizio presso lo stesso datore di lavoro, il lavoratore ha diritto ad un periodo di ferie di 26 giorni lavorativi”; per i lavoratori ad ore, ovvero con retribuzione ragguagliata alle ore effettivamente svolte, tali giorni devono essere retribuiti con una retribuzione ragguagliata a 1/6 dell’orario settimanale, per ogni giorno di ferie godute.

Dunque nel caso di una forte variabilità dell’orario di lavoro, il numero di giorni che la lavoratrice domestica matura sono sempre gli stessi, ovvero 26 giorni lavorativi, “contati” sul calendario da lunedì a sabato, indipendentemente dalla effettiva distribuzione dell’orario di lavoro (indipendentemente cioè che i suoi “giorni lavorativi” siano solo tre, per esempio lunedì, mercoledì e venerdì, su sei) e dunque, indipendentemente dall’orario di lavoro, la colf matura circa 2,16 giorni di ferie per ogni mese di lavoro.

Ciò che cambia è però la retribuzione a titolo di ferie cui avrà diritto, che dovrà essere rapportata all’effettivo orario svolto mese per mese.

Il metodo più semplice consiste nel trasformare le giornate di ferie in ore, ciò che permette anche di compilare correttamente il Mav dell’Inps, aggiungendo alle ore lavorate le ore di ferie così calcolate.

Esempio: la colf, che ha iniziato a lavorare a gennaio, ha lavorato per i primi tre mesi per 10 ore settimanali e per i successivi tre mesi 25 ore settimanali, percependo una retribuzione di € 7,00. Nel mese di luglio chiede di poter andare in ferie per i giorni che le spettano, che dunque saranno 13 (2,16 x 6 mesi).

Per conoscere quale sarà il periodo di ferie della colf, il datore di lavoro si limiterà a contare 13 giorni sul calendario, dal lunedì al sabato, saltando solo la domenica, indipendentemente dall’orario e dalla sua distribuzione nella settimana: dal 1 luglio 2015 al 15 luglio 2015.

Per conoscere la retribuzione che dovrà essere corrisposta per quel periodo, si quantificheranno quante ore si compongono quei 13 giorni, ovvero:

per i primi tre mesi: 10 ore settimanali x 1/6 = 1,67 ore (ciò significa che nei primi tre mesi, un giorno di ferie “vale” 1,67 ore) e quindi nei primi tre mesi ha maturato 10,82 (1,67 ore x 2,16 x 3 mesi)

per i successivi tre mesi: 25 ore settimanali x 1/6 = 4,17 ore (ciò significa che nei primi tre mesi, un giorno di ferie “vale” 4,17 ore) e quindi nei successivi tre mesi ha maturato 27,02 ore (4,17 ore x 2,16 x 3 mesi);

Nella busta paga del mese di Luglio, saranno dunque evidenziati 13 giorni di ferie (o 37,84 ore di ferie) retribuite per € 264,89 (10,82 +27,02 = 37,84 ore x € 7,00).

Per informazioni: aclicolfonline

Colf a ore variabili e calcolo delle ferie
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR