Colf: Congedo matrimoniale di 15 giorni

Sono appena stata assunta come baby-sitter in una famiglia. Il prossimo anno mi sposerò e per questo mi recherò nel mio paese di origine. Posso chiedere dei permessi?

Anche le colf usufruiscono del c.d. congedo matrimoniale retribuito, che l’art. 23 del Ccnl, fissa in 15 giorni di calendario.

Per tale periodo quindi la lavoratrice percepirà la normale retribuzione, maggiorata, nei limiti in cui ne usufruisce, dell’indennità di vitto e alloggio: la base per il calcolo del congedo è infatti la retribuzione globale di fatto che comprende anche tale indennità.

La lavoratrice al ritorno dal congedo, dovrà esibire la documentazione attestante l’avvenuto matrimonio (il certificato di matrimonio, ad esempio).

Il nuovo Ccnl entrato in vigore lo scorso 1 luglio 2013, ha introdotto la facoltà di fruire di questo particolare permesso retribuito anche in periodo diverso rispetto a quello di coincidenza con la data del matrimonio, purché entro il termine di un anno dalla stessa e sempreché il matrimonio sia contratto in costanza dello stesso rapporto di lavoro. La mancata fruizione del congedo a causa di dimissioni del lavoratore non determinerà alcun diritto alla relativa indennità sostitutiva.

Se si ha bisogno di un periodo superiore ai 15 giorni sarà possibile cumulare al congedo le ferie maturate fino a quel momento e, in estrema ipotesi, nel caso in cui anche queste non bastino, sarà possibile chiedere di aggiungere un periodo di permesso non retribuito.

 

Per informazioni: aclicolfonline

Colf: Congedo matrimoniale di 15 giorni
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR