Colf e superminimo individuale

Ho assunto un’assistente familiare per mio padre. Con lei ho concordato una retribuzione che è superiore ai minimi di circa € 20,00. Visto che i minimi contrattuali sono aggiornati all’inizio di ogni anno, devo aggiungere i € 20,00 alla retribuzione minima, o posso continuare a corrispondere la stessa retribuzione, essendo già superiore ai minimi?

In forza dell’art. 37 Ccnl degli addetti ai servizi domestici, i minimi contrattuali delle colf vengono aggiornati annualmente dall’apposita Commissione, che si riunisce entro i primi mesi dell’anno.

Può succedere, che tra lavoratore e datore di lavoro venga previsto un c.d. “superminimo”, il cui scopo è quello di riconoscere, al primo, una retribuzione superiore rispetto a quella prevista dalla contrattazione collettiva, che sarà dunque il risultato della somma tra minimo contrattuale e superminimo individuale.

Di norma, in caso di aumento retribuivo previsto dalla contrattazione collettiva, il superminimo individuale è assorbibile: in tal senso si sono espresse da tempo numerose decisioni giurisprudenziali secondo le quali sussiste nell’ordinamento un generale principio di assorbimento della maggiore retribuzione individuale, globalmente considerata, in quella successivamente spettante per contrattazione collettiva.

In generale, l’aumento retributivo conseguente all’aggiornamento dei minimi, non si somma al superminimo fissato nel contratto individuale, e quest’ultimo si riduce progressivamente. Pe esempio, se dall’aggiornamento dei minimi deriva un aumento di € 3,00 della retribuzione, il superminimo da € 20,00 si riduce a € 17,00 con il risultato che la retribuzione globalmente considerata non subirà variazioni, almeno fino a quando gli aumenti contrattuali non ridurranno a zero il superminimo.

Questa regola generale presenta delle eccezioni, e il superminimo non è assorbibile qualora:

datore di lavoro e lavoratore stabiliscano espressamente che il superminimo non è assorbibile, con una clausola espressa prevista nel contratto individuale, oppure con comportamenti concludenti: può anche accadere che pur mancando una espressa pattuizione in tal senso, in occasione di precedenti rinnovi contrattuali il datore di lavoro abbia considerato il superminimo non assorbibile, sommandone l’importo alle retribuzioni minime.

datore di lavoro e lavoratore abbiano voluto attribuire al superminimo la natura di un compenso speciale strettamente collegato a particolari meriti o alla speciale qualità o alla maggiore onerosità delle mansioni svolte, prevedendone specificatamente tale natura nel contratto.

In questi casi il superminimo diventa vero e proprio elemento della retribuzione, che dovrà sempre essere sommato ai minimi contrattuali aggiornati annualmente.

Onde evitare discussioni e vertenze è sempre consigliabile specificare nella lettera di assunzione se si intende il superminimo come assorbibile o non assorbibile.

 

Per informazioni: aclicolfonline

Colf e superminimo individuale
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR