Colf: Regole sulle ferie

Mi chiamo Maria e da qualche anno ho assunto un’assistente familiare in regime di convivenza per mia madre. Con lei abbiamo concordato che quest’anno, per il mese di agosto, andrà in ferie per 20 giorni: sono in regola oppure sono obbligata a concederle tutti i 26 giorni previsti dal contratto? Che cosa significa che devo pagarle la “normale” retribuzione?

L’art. 18 del Ccnl stabilisce che per ogni anno di servizio presso lo stesso datore di lavoro, il lavoratore ha diritto ad un periodo di ferie di 26 giorni lavorativi, dettando alcune regole fondamentali da seguire per concordare il loro godimento, in particolare:

Il datore di lavoro, compatibilmente con le proprie esigenze e con quelle del lavoratore, dovrà fissare il periodo di ferie, ferma restando la possibilità di diverso accordo tra le parti, da giugno a settembre;

Le ferie potranno essere frazionate in non più di due periodi all’anno, purché concordati tra le parti;

Le ferie hanno di regola carattere continuativo e devono aver luogo per almeno due settimane entro l’anno di maturazione e, per almeno ulteriori due settimane, entro i 18 mesi successivi all’anno di maturazione.

Si tratta di indicazioni dirette a salvaguardare la funzione fondamentale di questo istituto contrattuale, che è quella di salvaguardare il riposo del lavoratore e il recupero psico-fisico delle sue energie lavorative, che non potrebbero adeguatamente ricostituirsi con periodi di ferie eccessivamente “spezzettati”.

Nel caso di Maria tutti questi parametri appaiono rispettati, essendo assicurata la fruizione del periodo di ferie per più di 15 giorni consecutivi, nel periodo compreso tra giugno e settembre.

Quanto alla retribuzione, il comma 2 dell’art. 18 Ccnl stabilisce che “I lavoratori con retribuzione mensile percepiranno la normale retribuzione, senza alcuna decurtazione”, con ciò intendendo che nonostante la mancata prestazione lavorativa, il lavoratore percepirà la retribuzione concordata per intero, cui dovrà comunque essere aggiunta l’indennità di vitto e alloggio, nel caso in cui (come avviene normalmente) la lavoratrice non ne usufruisca in natura: di solito infatti la lavoratrice abbandonerà l’abitazione del datore di lavoro per farvi ritorno alla fine del periodo concordato, e per quel periodo non usufruirà né dei pasti giornalieri, né dell’ospitalità.

 

 

Per informazioni: aclicolfonline

Colf: Regole sulle ferie
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR