Colf: Scatti di anzianità ogni due anni

Lavoro come assistente familiare per una signora anziana da circa quattro anni. Visto il lungo tempo trascorso posso chiedere un aumento della mia retribuzione?

In forza dell’art. 36 Ccnl degli addetti ai servizi domestici, a partire dal 22 maggio 1972 spetta al lavoratore, per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro, un aumento del 4% sulla retribuzione minima contrattuale.

Con il protrarsi del rapporto di lavoro, infatti, la lavoratrice, nel tempo, acquisisce sempre più una migliore “dimestichezza” con le esigenze del datore di lavoro, diventando più autonoma e sicura nello svolgimento dei compiti che le vengono affidati, facendo acquisire un valore aggiunto al datore di lavoro, che, se la sostituisse, dovrebbe insegnare nuovamente tutto alla nuova lavoratrice.

Questo “surplus” qualitativo, viene premiato dal Ccnl, con un aumento obbligatorio della retribuzione ogni biennio di servizio, pari al 4%, calcolato sui minimi contrattuali in vigore nell’anno di maturazione dello scatto.

Non importa il fatto che la lavoratrice percepisca una retribuzione già superiore ai minimi (usufruendo di un c.d. superminimo), dato che specificatamente l’art. 36 stabilisce, al comma 2, che “a partire dall’1 agosto 1992 gli scatti non sono assorbibili dall’eventuale superminimo”: ogni due anni quindi il datore di lavoro dovrà incrementare la retribuzione, dello scatto di anzianità, da aggiungere come posta ulteriore alla retribuzione minima ed eventuale superminimo.

 

Per informazioni: aclicolfonline

Colf: Scatti di anzianità ogni due anni
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR