#Costruiamolapace. L’Appello dei volontari in Servizio Civile

In seguito ai drammatici attentati di Parigi, Antonella Paparella, Francesco Violi, Yuri Broccoli ed Edda D’Amico – rappresentanti nazionali dei volontari in servizio civile – insieme alla delegazione Estero, rappresentata da Luigi Coluccino, che ha svolto il servizio civile proprio a Parigi presso le Acli Francia – lanciano la “Marcia Virtuale della Pace”, per chiedere al Presidente del Consiglio e a tutti i parlamentari italiani di “non permettere che l’Italia prenda parte alla guerra in Siria come rappresaglia per i fatti di Parigi”…

L’Appello è rivolto “a tutti i volontari e le volontarie in servizio, ai i cittadini e le cittadine, alle istituzioni, alla società civile tutta, ai movimenti nonviolenti, alla politica, alle comunità religiose e a tutti coloro che si oppongono alla guerra”. Per la partecipazione è stata creata una pagina facebook.

Di seguito, il testo dell’appello

COSTRUIAMO LA PACE

Dopo gli attentati di Parigi del 13 novembre, la Francia ha incrementato i suoi bombardamenti in Siria; il Presidente Hollande chiede l’intervento attivo dell’Europa, intervento che, in base al Trattato di Lisbona si tradurrà in supporto militare agli attacchi dell’esercito francese.

Le stragi di Parigi non rappresentano che l’ultimo odioso episodio di un integralismo che ci vorrebbe divisi in due blocchi che si fronteggiano, ognuno con la sua unica identità culturale a contrastare l’altra parte che rappresenterebbe il diverso.

Noi siamo ragazze e ragazzi che, scegliendo si essere volontarie e volontari di Servizio Civile, pratichiamo la cultura dell’integrazione e della nonviolenza. Le diversità sono delle risorse da difendere e non nemici da combattere.

Come promotori di questi valori ed espressione concreta delle difesa non armata e non violenta, ripudiamo la guerra come strumento di risoluzione di qualunque conflitto, ci opponiamo allo spreco di milioni di euro per finanziare guerre che avranno come unico risultato altri morti.

Per tutte queste ragioni lanciamo ufficialmente una Marcia Virtuale della Pace.

Attraverso questa iniziativa chiediamo al Presidente del Consiglio, Renzi, e al Parlamento tutto:
– di non permettere che l’Italia prenda parte alla guerra in Siria come rappresaglia per i fatti di Parigi;
– di farsi promotori, presso l’Unione Europea, di un impegno concreto per la risoluzione dei conflitti;
– di interrompere la vendita di armi dall’Italia ai Paesi mediorientali e africani.

Invitiamo tutti i volontari e le volontarie in Servizio Civile, i cittadini e le cittadine, le istituzioni, la società civile tutta, i movimenti non violenti, la politica, le comunità religiose e tutti coloro che si oppongono alla guerra a prendere parte alla nostra Marcia Virtuale per la Pace, pubblicando foto e video con l’hashtag
#‎costruiamolapace‬‬
‪#‎construisonspaix‬‬
‪#‎buildpeace‬‬

 

#Costruiamolapace. L’Appello dei volontari in Servizio Civile
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR