Cremona: Sono donne un terzo dei consiglieri eletti

Sono sette su 25 le donne presenti nel nuovo consiglio provinciale delle Acli cremonesi eletto durante il congresso che si è svolto il 3 e 4 marzo a Cremona. Prima degli eletti è risultata Carla Bellani. Toccherà a lei convocare la prima riunione del consiglio che sceglierà i membri di presidenza. Oltre ai consiglieri, i delegati hanno eletto anche i 14 delegati al Congresso regionale che si svolgerà il 30 e 31 marzo a Milano e 6 delegati al 24° congresso nazionale delle Acli (Roma, 3-6 maggio 2012). L’appuntamento congressuale si è aperto con l’intervento del vescovo Lanfranconi che ha ribadito la necessità della conversione personale per poter uscire dalla crisi morale: “Le istituzioni si rigenerano – ha detto il vescovo di Cremona – se le persone per prime cambiano in se stesse”. Di economia sostenibile, di dono, lavoro e formazione professionale ha invece parlato Gianbattista Brunati, presidente uscente delle Acli provinciali. Nella sua relazione, Brunati ha proposto l’abolizione dei contratti d’apprendistato e a progetto da sostituire con il contratto di inserimento, una forma contrattuale per i lavori di modesta entità oraria o economica, una revisione delle aliquote contributive per le imprese che assumono giovani e una revisione degli ammortizzatori sociali. L’altro tema su cui ha battuto l’ex presidente l’impegno per una responsabilità politica partecipata, come è avvenuto per la campagna per l’acqua pubblica, il nucleare e la raccolta firme per la cittadinanza agli immigrati. Su questi temi – ha concluso Brunati – le Acli si sono impegnate a lungo e continueranno a impegnarsi anche grazie a una serie e più incisiva formazione spirituale e culturale  che ha i suoi pilastri nel Vangelo e nella Dottrina sociale della Chiesa. 

Cremona: Sono donne un terzo dei consiglieri eletti
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR