Curiosi di dove abita il Signore

15 gennaio 2012 – II Domenica tempo ordinario anno BGesù abita con il Padre e in questo dimorare accoglie tutti coloro che desiderano conoscere ciò da cui trae vita nello Spirito. Non è geloso del suo stare presso il Padre, ma lo vuole condividere con gli uomini che cercano l’amore.Giovanni 1,35-42
In quel tempo, 35 Giovanni stava con due dei suoi discepoli 36 e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». 37 E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38 Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbi – che, tradotto, significa maestro -, dove dimori?». 39 Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui: erano circa le quattro del pomeriggio. 40 Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41 Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – 42 e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa», che significa Pietro.
C’è sempre qualcuno che ci introduce nella novità di Dio che passa, qualcuno che ci è educatore per un qualche aspetto nella vita, ma che è capace di lasciarci andare dietro al vero maestro: Gesù. Egli è l’agnello di Dio, e già questa indicazione ci dice molto di chi è: uno mansueto, nonviolento, che segue la voce del pastore/Padre, e che instaura un dialogo con i suoi discepoli per aiutarli a discernere il desiderio vero del loro cuore: «Che cosa cercate?». Se l’uomo non conosce il proprio desiderio non può trovare ciò che cerca e il Signore ci aiuta anche in questo. (leggi tutto nell’allegato a sinistra)

Curiosi di dove abita il Signore
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR