Detraibilità spese di ristrutturazione

Ho chiesto un mutuo per acquistare una casa da ristrutturare. Posso detrarre le spese di ristrutturazione dalla dichiarazione dei redditi?
Gli interessi passivi e relativi oneri accessori, in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili, contratti per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto, sono detraibili per un importo non superiore a € 4.000 (art. 15, comma 1, lettera b del Tuir). La detrazione dei mutui accesi per la ristrutturazione dell’immobile destinato ad abitazione principale è regolato dall’art. 15 comma 1-ter del Tuir.

Nel caso in cui l’immobile sia oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia, comprovata dalla relativa concessione edilizia, la detrazione spetta a decorrere dalla data in cui l’unità immobiliare è adibita a dimora abituale, e comunque entro due anni dall’acquisto.
Il tempo è maggiore se il comune non provvede in tempo utile al rilascio delle abilitazione amministrative richieste.Gli interventi oggetto di detrazione (L. 457/1978, art. 31, comma 1, lettera d) comprendono: il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi e impianti, il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell’edificio, l’inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell’uso, l’eliminazione degli elementi estranei all’organismo edilizio.
Non rientrano nella norma gli interventi: di manutenzione ordinaria, di manutenzione straordinaria, di restauro e di risanamento conservativo.

Detraibilità spese di ristrutturazione
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR