Difesa civile. Mettiamoci la firma!

Con lo slogan “Un’altra difesa è possibile” è ufficialmente partita a ottobre 2014 la campagna “Difesa civile non violenta“, cui aderiscono una serie di associazioni tra cui anche le Acli, con l’obiettivo di raccogliere 50mila firme per una legge di iniziativa popolare per l’istituzione del dipartimento della Difesa civile non armata e nonviolenta.

L’iniziativa è promossa dalla Rete della pace, la Conferenza nazionale degli enti di servizio civile, il Forum nazionale per il servizio civile, la Rete italiana per il disarmo, il movimento Sbilanciamoci! e il Tavolo interventi civili di pace. Di seguito, una breve presentazione a cura dei promotori.

Di fronte alla drammatica crisi economica e sociale del Paese, che sostanzialmente non ha sfiorato lo strumento militare, l’intenzione dei promotori è quella di compiere un “passo in avanti”  e promuovere congiuntamente una campagna per il disarmo e la difesa civile.

L’obiettivo è quello della costituzione di un Dipartimento che indirizzi il contributo alla difesa civile con le proprie autonomie e modalità di lavoro delle varie componenti oggi esistenti fra cui il Servizio civile, i Corpi civili di pace, la Protezione civile oltre ad un ipotizzato istituto di ricerca su Pace e disarmo.

Si tratta di dare finalmente concretezza a ciò che prefiguravano i padri costituenti con il ripudio della guerra e che già oggi è previsto dalla legge e confermato dalla Corte costituzionale: la possibilità di assolvere all’obbligo costituzionale dell’articolo 52 con una struttura di difesa civile alternativa a quella prettamente militare, finanziata direttamente dai cittadini attraverso l’opzione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi.

In sintesi, scrivono i promotori, “la proposta che avanziamo mira a trovare uno spazio istituzionale per una forma di difesa, prevista già dal nostro ordinamento legislativo, che non sia quella legata alle forze armate e allo strumento militare. Se il percorso della Legge di iniziativa popolare arriverà a compimento il Dipartimento che ne scaturirà sarà il luogo in cui sperimentare nuovi approcci e in cui rendere concreta l’idea di un modo più intelligente e meno cruento di proteggere la vita di tutti i cittadini”.
 

Difesa civile. Mettiamoci la firma!
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR