Disarmo e taglio spese militari. A Verona per un 25 aprile di pace

Nella città veneta sono attese migliaia di persone, grazie al lavoro congiunto di associazioni, reti, ONG, sindacati.
Ospiti della giornata, tra gli altri: don Luigi Ciotti, Gino Strada, padre Alex Zanotelli, Gad Lerner, Gianni Bottalico, Susanna Camusso, Cecilia Strada, Lidia Menapace, don Albino Bizzotto.

E’ possibile seguire Arena di Pace e Disarmo dalle ore 14,00 in streaming su www.lanuovaecologia.it

 

A pochi giorni dall’evento che riunirà a Verona la gran parte del mondo italiano della Pace, del disarmo e della nonviolenza, si è svolta a Roma la conferenza stampa di presentazione di contenuti ed ospiti di “Arena di pace e disarmo”. Nella giornata di festa e Liberazione del 25 aprile 2014 si daranno appuntamento nell’anfiteatro romano di Verona associazioni laiche e religiose, esponenti della società civile, singole persone… tutti insieme per convergere in una comune campagna per il “disarmo militare e la difesa civile”.

Nel corso della conferenza stampa odierna di presentazione Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli che sarà protagonista in Arena di un confronto con Susanna Camusso, segretario generale della Cgil sul rapporto tra lavoro e Pace, ha ricordato come “le tematiche proposte da Arena di Pace e Disarmo sono patrimonio fondamentale di tutto l’associazionismo italiano, che deve ritornare ad occuparsene con competenza”.

La giornata, che vedrà riunite persone delle più diverse estrazioni, del mondo laico e religioso, con una forte presenza dell’associazionismo cattolico, in particolare missionario, e di numerosi organismi sociali laici e sindacali inizierà con un momento di memoria dei “padri” delle precedenti Arene, che ci hanno lasciato ma che sentiamo ancora tra noi, e di testimoni che hanno segnato il cammino del pacifismo italiano: don Tonino Bello, padre Balducci, padre Turoldo, Alexander Langer, don Giulio Battistella, Massimo Paolicelli, Vittorio Arrigoni.

“Non è un caso che l’evento in Arena si svolgerà il 25 aprile, giornata della Resistenza – commenta Mao Valpiana Presidente del Movimento Nonviolento – perché oggi la nuova resistenza si chiama nonviolenza”.

Secondo la piattaforma di proposte delle organizzazioni e dei personaggi che hanno promosso l’evento (per le Acli Alfredo Cucciniello, responsabile nazionale per la Pace e il Servizio Civile), oggi occorre declinare diversamente il concetto di Difesa. Sono il lavoro, la sanità, la scuola, i beni culturali, l’ambiente ad essere davvero necessari e per questo da proteggere con un’azione di difesa comune. “Questo è il nuovo ‘sacro dovere’ di tutti i cittadini – continua Valpiana – Per questo tipo di difesa non servono gli F-35, ma servono politiche e servizi sociali. E’ la difesa civile”.

Da queste considerazioni parte il senso profondo della campagna “disarmo e difesa civile” che verrà lanciata proprio il 25 aprile a Verona, nel corso dell’Arena di Pace e Disarmo. Partendo dalla Liberazione dalla dittatura e dalla guerra, ma considerando che la liberazione dagli armamenti e dagli eserciti che rendono possibili le guerre attuali a future non è ancora avvenuta. C’è quindi necessità di proseguire la resistenza, che oggi si chiama nonviolenza.

L’Arena di Pace e Disarmo 2014 prosegue la tradizione delle “Arene di pace” convocate dal 1986 al 2003 dai “Beati i costruttori di pace” e sarà un grande incontro di persone e associazioni che credono in un cambiamento oggi necessario e possibile, a livello personale e politico, accomunate dalla convinzione che di fronte alla crisi economica e al degrado ambientale sia razionalmente logico ed eticamente giusto porsi l’obiettivo della riduzione delle spese militari e di una politica di disarmo.

“Si tratta di un momento simbolico molto importante per tutto il movimento per la Pace ha sottolineato padre Alex Zanotelli, missionario Comboniano che ha promosso l’idea di questo incontro – che deve trovare nuovo slancio, entusiasmo, unità di intenti. Bisogna che i temi della Pace e del disarmo tornino al centro dell’agenda politica del nostro paese. I poveri non possono più accettare gli sperperi continui di fondi negli armamenti!”.

Nei contributi del momento centrale dell’evento Alex Zanotelli, Alice Mabota dal Mozambico, don Luigi Ciotti, Cecilia e Gino Strada, Susanna Camusso, Gianni Bottalico, Gad Lerner e tanti altri ospiti animeranno una giornata densa di contenuti e di spunti di azione. Ma sarà anche un momento di festa, con tanta musica, che ci regaleranno i molti artisti che generosamente si sono messi a disposizione, da Eugenio Finardi a Simone Cristicchi, da David Riondino ad Alessandro Mannarino. Regista della parte artistica Michelangelo Ricci del Club Tenco che in conferenza ha ricordato come “non solo abbiamo contribuito a portare gli artisti in Arena, ma abbiamo deciso di aderire come Club Tenco all’evento ed alla prossima Campagna”.

Ci sarà spazio per tutte le campagne che stanno caratterizzando le attuali mobilitazioni del mondo della Pace e del disarmo: dalla richiesta di cancellazione del programma dei caccia F-35, al lavoro per potenziare il Servizio Civile come difesa non armata della Patria, alla richiesta di sperimentazione ed istituzione dei Corpi Civili di Pace, passando per le azioni presenti in tutta Italia contro la militarizzazione dei territori e le mobilitazioni internazionali per la messa al bando delle armi nucleari. “Solamente in Italia – ha ricordato padre Zanottelli – ci sono almeno settanta bombe atomiche dislocate sul territorio nazionale”

“Il nostro Paese, – hanno scritto in un appello i promotori dell’incontro – in piena crisi economica e sociale, cade a picco in tutti gli indicatori europei e internazionali di benessere e di civiltà, ma continua ad essere tra le prime 10 potenze militari del pianeta, nella corsa agli armamenti più dispendiosa della storia. Ne sono un esempio i nuovi 90 cacciabombardieri F35, il cui costo di acquisto si attesta sui 14 miliardi di euro, mentre l’intero progetto Joint Strike Fighter supererà i 50 miliardi di euro; il nostro paese, inoltre, “ospita” 70 bombe atomiche statunitensi B-61 (20 nella base di Ghedi a Brescia e 50 nella base di Aviano a Pordenone) che si stanno ammodernando, al costo di 10 miliardi di dollari, in testate nucleari adatte al trasporto sugli F-35”.

L’iniziativa del 25 aprile in Arena può attivare energie spirituali e capacità di proposte per uscire dall’isolamento, dallo scoraggiamento e dalla rassegnazione. A chi partecipa non sarà chiesto da dove viene ma se vuole camminare con tutti gli altri verso un disarmo che non riguarda solo armi e guerre, economia e politica, ma anche le nostre città, le scuole, le famiglie, l’ambiente, il linguaggio, le culture e le religioni. Alla fine della giornata verrà lanciata la campagna “Difesa civile 2014”: azione concreta e percorribile da tutti per non fermarsi alle belle parole ma dare a tutti uno strumento di costruzione di percorsi di Pace e Disarmo.

La campagna prevede la raccolta di firme per la presentazione di una Legge di Iniziativa Popolare da sottoporre al Parlamento per promuovere l’istituzione di un Dipartimento per la difesa civile non armata e nonviolenta e la costituzione di Corpi civili di pace alternativi all’esercito, da finanziare con l’opzione fiscale, in modo che i cittadini possano scegliere in sede di dichiarazione dei redditi se pagare per la difesa armata o per la difesa civile; non sarebbero tasse o spese in più, ma uno spostamento di fondi dal Ministero della Difesa armata al Dipartimento per la Difesa civile. Entrambi riconosciuti dal nostro ordinamento come strumenti per mettere in pratica l’articolo 52 della Costituzione, ma per i quali la disparità di risorse attualmente a disposizione è conclamata ed inaccettabile.

Disarmo e taglio spese militari. A Verona per un 25 aprile di pace
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR