Dossier: la riforma delle banche popolari

Le Acli spiegano la riforma del sistema bancario italiano.

Il Senato con 155 sì e 92 no ha votato la fiducia posta dal Governo sul decreto (Investment Compact) che, all’articolo1, prevede la riforma delle banche popolari maggiori. In base al provvedimento i 10 istituti con più di 8 miliardi di attivo dovranno trasformarsi in società per azioni.

Una volta che il decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, bisognerà attendere le disposizioni attuative di Bankitalia. Dopodiché questi istituti avranno 18 mesi di tempo per attuare la trasformazione.

Per evitare scalate, durante la fase transitoria che porterà i 10 maggiori istituti a trasformarsi in spa, nel testo votato alla Camera è stata introdotta una clausola che fissa al 5% il tetto ai diritti di voto nelle assemblee per i primi due anni.

La seconda forma in cui si è articolata in Italia la cooperazione in ambito bancario, quella delle Banche di credito cooperativo (Bcc), non è stata invece toccata dal decreto.

Tutti i dettagli per approfondire come cambia la governance delle banche popolari, con i consueti contenuti ipertestuali e tre infografiche riepilogative della riforma, nel Dossier n. 12 della fondazione Achille Grandi per il bene comune delle Acli.

 

Dossier: la riforma delle banche popolari
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR