Emilia Romagna: Terremoto, le iniziative delle Acli

Le Acli Emilia Romagna, in collaborazione con l’Us Acli e le sedi delle Acli provinciali di tutta la regione, hanno aperto un conto corrente per raccogliere fondi destinati alle sedi Acli nei territori colpiti dal sisma e che si trovano in una situazione di vera emergenza, in particolare nella provincia di Modena, con l’impegno di gestire i fondi con la massima trasparenza.L’Iban, presso Unicredit Banca – Bologna, è:IT 36 N 0200802413 00000 2574372Causale: Emergenza terremoto in Emilia Romagna.«A seguito delle recenti scosse di domenica 3 e lunedì 4 giugno – ci aggiorna il presidente delle Acli Emilia Romagna, Walter Raspa – alcune sedi Acli nel modenese (Carpi in particolare) hanno riportato danni che si vanno ad aggiungere ai danni di altre sedi nel ferrarese e nel bolognese. Molti dirigenti Acli dormono ancora nelle tende allestite, compreso il presidente di Modena Galli, e la situazione nei paesi maggiormente colpiti e veramente drammatica».Le altre iniziative sulle quali le Acli si stanno muovendo sono:

La verifica dell’accreditamento Acli presso la Protezione civile
Il camper dell’Aquila è stato ritirato dai dirigenti delle Acli di Modena ed ora è operativo nella Provincia
La vendita del formaggio* lanciata dalle Acli di Modena sul loro sito web, procede molto bene: le condizioni di vendita sono quelle concordate con il produttore danneggiato dal sisma, mentre le spedizioni sono a carico delle Acli modenesi
Il coordinamento delle tantissime richieste pervenute, di disponibilità dei cittadini a contribuire, con mansioni varie, al lavoro dei volontari Acli dei circoli di S.Giovanni in Monte e Oggiano
la proposta di far svolgere un campo di Ga nelle zone del terremoto
L’Ipsia sta organizzando un incontro sui territori colpiti per vedere insieme cosa si può fare
Le Acli di Cuneo danno disponibilità per il soggiorno gratuito di una settimana per ragazzi e ragazze.

«In generale – continua Raspa – la situazione è ancora molto critica, non solo nelle tende, ma anche per le visite ispettive dei fabbricati, infatti molte famiglie ed imprenditori attendono decisioni in merito. Sul versante del lavoro è emergenza: i posti di lavoro a rischio sono circa 13 mila, anche a causa di strutture e macchinari danneggiati. Si sta facendo un censimento dei danni subiti nei vari capannoni e si registra qualche piccola ripresa di attività produttiva, ad esempio nello stabilimento della Magneti Marelli di Crevalcore».
*Per quanto riguarda le iniziative di solidarietà relative all’acquisto del Parmiggiano Reggiano, si prega di contattare la sede provinciale Acli di Modena all’indirizzo mail: terremoto@aclimodena.it e di visitare il sito www.aclimodena.it
I prezzi sono i seguenti: stagionatura 10-16 mesi € 10.50 al kg;  stagionatura 20-24 mesi  € 12.50 al kg; Le forme sono di 40 kg la cui consegna è molto rapida. Per le pezzature da 1 kg sottovuoto, i tempi sono di circa 10 giorni per la preparazione.

Emilia Romagna: Terremoto, le iniziative delle Acli
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR