Famiglia: lavoro e festa

A  Milano dal 29 maggio al 3 giugno il VII Incontro mondiale delle famiglie

Dopo Roma, Rio de Janeiro, Manila, Valencia, e Città del Messico, l’Incontro mondiale delle famiglie approda a Milano, città che dal 29 maggio al 3 giugno accoglierà migliaia di famiglie provenienti da tutto il mondo.

L’incontro, istituito dal Beato Papa Giovanni Paolo II nel 1993, quest’anno pone per la prima volta al centro della sua riflessione un tema laico “La famiglia: il lavoro e la festa”, perchè, come ha scritto Benedetto XVI nella lettera inviata all’arcivescovo di Milano, Dionigi Tettamanzi, «Il lavoro e la festa sono intimamente collegati con la vita delle famiglie: ne condizionano le scelte, influenzano le relazioni tra i coniugi e tra i genitori e i figli, incidono sul rapporto della famiglia con la società e con la Chiesa. La Sacra Scrittura (cfr Gen 1-2) ci dice che famiglia, lavoro e giorno festivo sono doni e benedizioni di Dio per aiutarci a vivere un’esistenza pienamente umana».

Famiglia, lavoro e festa sono, infatti, tre dimensioni esclusive della persona: solo le persone amano, solo le persone lavorano, solo le persone fanno festa; in questo senso, quindi, diventa di dirimente importanza riconoscere la centralità della relazione, della responsabilità, della capacità di accogliere la persona nella sua pienezza. La famiglia è il laboratorio più importante e più “naturale” in cui imparare ad esprimere queste qualità, riscoprendo e mettendo in luce il suo ruolo innovatore ed educatore.

Per questo, dunque, l’evento non vuole essere solo un momento di grande riflessione teologica e sociale, ma si pone prima ancora come obiettivo quello di essere la festa dell’incontro tra le famiglie, un occasione per conoscere le storie ed i percorsi di vita di persone provenienti da tutto il mondo. I giorni del congresso teologico, infatti, saranno arricchiti da numerose testimonianze, da momenti di festa, da eventi paralleli come mostre, pièce teatrali, presentazioni di libri, e molto altro ancora.

Un ulteriore elemento di novità, che evidenzia come l’organizzazione abbia tenuto conto delle esigenze di tutto il nucleo familiare, è poi il congresso dei bambini che si svolgerà parallelamente a quello degli adulti trattando gli stessi temi con linguaggi adatti a loro.

Inoltre tutta la manifestazione sarà arricchita dalla Fiera internazionale della famiglia, uno spazio espositivo a Fieramilanocity interamente dedicato alle famiglie, alle buone pratiche e alle nuove idee.  Si tratta di un’iniziativa del tutto nuova per l’Italia che darà la possibilità ad associazioni, fondazioni del mondo ecclesiale e civile, ma anche ad enti del mondo profit,  di rendersi visibili e diffondere i proprio materiali.
Insomma, sarà davvero un incontro “stile famiglia”, uno stile fondato su accoglienza, rispetto, servizio e convivialità. L’invito che la Chiesa rivolge a tutto il mondo, infatti, non è solo quello di esserci, ma anche di esserci per gli altri: diventare volontari; per le famiglie lombarde, aprire le proprie case ospitando le famiglie pellegrine, e  testimoniare la bellezza della famiglia, speranza vera per il futuro di tutto il mondo.

Famiglia: lavoro e festa
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR