Fine vita, la nota politica delle Acli

I confini della vita tornano a interrogare la politica e a rappresentare l’esistenza di più etiche, che – anche a seguito degli straordinari scenari promessi dalla scienza e dalla tecnica – possono convivere e garantire un vero progresso solo se saranno a servizio dell’uomo e delle ragioni della vita. Per questo, il dibattito democratico dovrà essere intenso, leale e informato perché, solo a seguito di un confronto condotto con queste modalità, sarà possibile scrivere delle buone leggi, capaci di rispondere ai moderni problemi dell’uomo preservando quell’umanesimo che è la cifra vera della storia europea.

In questi giorni, il Parlamento italiano sta discutendo una norma in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento (Dat), il cosiddetto testamento biologico. Anche la società sta dibattendo, attraverso convegni di approfondimento e prese di posizione che animano il confronto democratico. Anche noi delle Acli ci siamo interrogati e abbiamo deciso di scrivere una nota comprendente alcune riflessioni. Le offriamo come contributo al dibattito interno e come strumento per riscoprire le ragioni del nostro essere cristiani nel nuovo secolo.

 

Leggi il documento integrale 

Fine vita, la nota politica delle Acli
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR