Firenze: La Pira, un esempio da seguire

Rappresenterà una vera e propria cerimonia commemorativa, il convegno “Giorgio la Pira. Impegno sociale ed etica della politica”, che si svolgerà giovedì 7 aprile alle ore 16.30 presso il teatro del Castello di Firenze. Il convegno, promosso in occasione dei 60 anni dalla prima elezione di Giorgio la Pira come sindaco di Firenze, è stato organizzato dalle Acli solidarietà Toscana e dal centro servizi volontariato Toscana (Cesvot) per ricordare una delle figure di spicco dell’Italia del dopo guerra. La Pira è stato anche fondatore e primo presidente provinciale delle Acli.Giorgio La Pira, il “sindaco santo” (il suo processo di beatificazione è in corso), si è sempre distinto per il suo impegno sociale e morale. La tutela delle condizioni di lavoro e l’incentivo all’occupazione sono stati alcuni dei temi più affrontati da La Pira che, nel suo saggio La difesa della povera gente del 1951, ricorda “la disoccupazione è un consumo senza corrispettivo di produzione: è, perciò, uno sperpero di beni e di forze produttive. La conseguenza è evidente: un sistema economico che sia affetto da questo male è come un organismo affetto dal cancro: porta in sé un germe che lo corrode”.

La Pira, figura carismatica e poliedrica, è da anni uno dei “fiori all’occhiello” nel panorama aclista; infatti, il presidente regionale Acli toscane, Federico Barni, sottolinea che “le idee-forza che hanno segnato l’azione di Giorgio La Pira sui temi del lavoro e della difesa dell’occupazione, dell’assistenza ai più disagiati, della pace e della pari dignità di ogni essere umano in ogni parte del mondo, della ricerca di uno sviluppo integrale dell’uomo, sono i punti cardine delle Acli, i punti fermi in oltre sessant’anni di storia”.   Durante il convegno verranno illustrati i risultati della ricerca “La Pira e le Acli” di Gabriele Parenti, vicepresidente Acli regionali toscane; mentre, a conclusione dell’incontro, interverrà il presidente nazionale, Andrea Olivero.

Firenze: La Pira, un esempio da seguire
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR