Formazione, si apre la IV edizione di Educa

La sfida dell’integrazione e l’arricchimento culturale portato dagli studenti stranieri nelle scuole italiane: queste le tematiche con le quali è aperta oggi (giovedì 22 settembre 2011) a Palazzo Todeschi a Rovereto, la quarta edizione di Educa. Sarà presentato in anteprima “Noi domani. Un viaggio nella scuola multiculturale” (Laterza) l’ultimo libro di Vinicio Ongini, maestro per vent’anni e attualmente impegnato all’Ufficio integrazione alunni stranieri del Ministero dell’Istruzione. 
Un appuntamento cui partecipano nel comitato organizzatore anche le Acli e il Lep (Laboratorio educativo permanente): «È un grande appuntamento per chi ha “passione per il futuro” e vuole rimettere in circolo parole, azioni ed emozioni sull’educare». Così presenta Educa 2011 Paola Vacchina, vicepresidente nazionale delle Acli.

«Chi può essere così temerario – continua la Vacchina – da parlare di educazione mentre sembra che il mondo ci crolli addosso? Ma se è vero che la crisi dell’occidente è prima di tutto una crisi etica e di senso profondo del vivere insieme, allora forse dovremmo riconoscere questi temerari come coraggiosi e capaci di un po’ di lungimiranza. E quindi, attenzione ai bambini e ai ragazzi, visti come risorsa e non come problema; sostegno alle famiglie, chiamate a svolgere il loro compito educativo in un tempo di insidiosa incertezza; investire sulla scuola, baluardo di educazione e socialitàò, grande bene comune del nostro Paese; non rinunciare a parlare di chi fa più fatica, nell’ambito del disagio psichico, della disabilità, della povertà».
Educa 2011 proporrà in questo fine settimana nel centro storico di Rovereto, più di 100 appuntamenti e oltre 90 ospiti tra accademici, filosofi, giornalisti, psicologi e artisti. La manifestazione nazionale sull’educazione, per la sua quarta edizione, si rinnova, passando da evento puntuale a progetto culturale esteso e stabile. Forte del consenso registrato nel 2010 con 20.000 presenze, da quest’anno il tema “Educare nell’incertezza” avrà durata biennale: l’edizione di settembre 2011 sarà l’inizio di un viaggio che si svilupperà nel 2012 con tappe in diverse città italiane da Roma a Bari fino a Torino, per poi tornare a Rovereto.

Formazione, si apre la IV edizione di Educa
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR