Francia: Migrazione e identità

Ha come titolo “Migrazione e identità” l’incontro organizzato dalle Acli Francia per il 21 novembre a Parigi.

L’incontro cercherà di capire cosa vuol dire essere italiano per un ragazzo di terza generazione cresciuto in Francia.

La relatrice, Silvana Scandella, direttore scientifico del centro Directrice Scientifique Centre de Recherche Dlcm, esaminerà il senso di appartenenza dei giovani attraverso la lettura di alcuni testi autobiografici scritti da studenti di italiano per riscoprire le lingua dei loro nonni.

Quello che emerge dai testi è la forte ricerca di identità e il legame con il paese d’origine. Alcuni quantificano al 100%, al 90% o al 75% la loro italianità. Per molti poi essere italiano è legato ai tratti somatici, ai colori dei capelli, all’abbigliamento, agli hobby, e soprattutto a una certa solarità del carattere.

Al dibattito seguirà la visione del film “On était heureux quand même“ (Sono stato felice quando…) che racconta la storia di 10 persone emigrate in Francia da Morfasso, in provincia di Piacenza, dopo la seconda Guerra mondiale.

L’appuntamento, gratuito, è il 21 novembre alle 15.00 presso Acli France (28 Rue Claude Tillier, Parigi 12° -metro 1 e 8 Reully-Diderot).

Per informazioni: info@aclifrance.fr

Francia: Migrazione e identità
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR