Genealogia della libertà

L’autore è professore ordinario di teologia dei sacramenti e filosofia della religione presso il Pontificio Ateneo San’Anselmo di Roma. Inoltre insegna liturgia presso l’Istituto di liturgia pastorale dell’Abbazia si santa Giustina a Padova. È sposato e ha due figli.
La tesi del libro la espone l’autore stesso nelle conclusioni: la pace diviene possibile solo quando la libertà si riconosce come riconosciuta da un’auctoritas che l’ha generata.
Il libro è un interessantissimo, acuto e soprattutto originale saggio, che affronta l’origine e il dispiegarsi della libertà in relazione all’autorità.
Grillo distingue tre tipi di libertà: libertà come diritto, come dovere, come dono.
Dalla confusione di questi tre tipi e livelli di libertà nascono molti problemi di convivenza civile e delle democrazia che l’autore esemplifica in ordine alla tolleranza pensata come non indifferenza alla diversità, piuttosto che indifferenza all’uguaglianza.
Ci sono poi tre affondi sulla questione della libertà del cittadino, sull’accoglienza dell’ebreo come paradigma del diverso, e sul matrimonio.
In particolare propone, da teologo e liturgista, una teologia del matrimonio non massimalista, di notevole interesse per le questioni che coinvolgono le convivenze, i PACS, il matrimonio civile e quello cristiano.
Nei files correlati sotto l’immagine a sinistra potete trovare l’indice del volume e un invito alla lettura attraverso alcuni brani significativi.
Buona lettura.

Andrea Grillo Genealogia della libertà. Un itinerario tra filosofia e teologiaEdizioni San PaoloCinisello Balsamo 2013euro 14,00
 

Genealogia della libertà
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR