Ho tanto desiderato mangiare questa pasqua con voi

24 marzo 2013 – Domenica delle Palme – Anno CGesù desidera fare pasqua con noi per vivere in pienezza l’alleanza con Dio e con gli uomini. Egli confida nel Padre della vita per riceverla dopo aver attraversato la morte
VangeloLuca 22,14-23,56
22 14 Quando venne l’ora, Gesù prese posto a tavola e gli apostoli con lui, 15 e disse loro: «Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, perché io vi dico: 16 non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio». 17 E, ricevuto un calice, rese grazie e disse: “Prendetelo e fatelo passare tra voi, 18 perché io vi dico: da questo momento non berrò più del frutto della vite, finché non verrà il regno di Dio”. 19 Poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo, che è dato per voi; fate questo in memoria di me». 20 E, dopo aver cenato, fece lo stesso con il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che è versato per voi». 21 “Ma ecco, la mano di colui che mi tradisce è con me, sulla tavola. 22 Il Figlio dell’uomo se ne va, secondo quanto è stabilito, ma guai a quell’uomo dal quale egli viene tradito!”. 23 Allora essi cominciarono a domandarsi l’un l’altro chi di loro avrebbe fatto questo. 24 E nacque tra loro anche una discussione: chi di loro fosse da considerare più grande. 25 Egli disse: “I re delle nazioni le governano, e coloro che hanno potere su di esse sono chiamati benefattori. 26 Voi però non fate così; ma chi tra voi è più grande diventi come il più giovane, e chi governa come colui che serve. 27 Infatti chi è più grande, chi sta a tavola o chi serve? Non è forse colui che sta a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve. 28 Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove 29 e io preparo per voi un regno, come il Padre mio l’ha preparato per me, 30 perché mangiate e beviate alla mia mensa nel mio regno. E siederete in trono a giudicare le dodici tribù d’Israele. 31 Simone, Simone, ecco: Satana vi ha cercati per vagliarvi come il grano; 32 ma io ho pregato per te, perché la tua fede non venga meno. E tu, una volta convertito, conferma i tuoi fratelli”. 33 E Pietro gli disse: “Signore, con te sono pronto ad andare anche in prigione e alla morte”. 34 Gli rispose: “Pietro, io ti dico: oggi il gallo non canterà prima che tu, per tre volte, abbia negato di conoscermi”. 35 Poi disse loro: “Quando vi ho mandato senza borsa, né sacca, né sandali, vi è forse mancato qualcosa?”. Risposero: “Nulla”. 36 Ed egli soggiunse: “Ma ora, chi ha una borsa la prenda, e così chi ha una sacca; chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una. 37 Perché io vi dico: deve compiersi in me questa parola della Scrittura: E fu annoverato tra gli empi. Infatti tutto quello che mi riguarda volge al suo compimento”. 38 Ed essi dissero: “Signore, ecco qui due spade”. Ma egli disse: “Basta!”.
 
Il lungo racconto della passione è offerto dalla liturgia in questo giorno delle Palme, perché il cristiano che celebra l’eucarestia alla domenica possa attraversare con Gesù la morte per giungere alla pasqua di resurrezione. Esso si può dividere in sei scene.
Nel cenacolo (22,14-38). Luca è l’unico evangelista che parla esplicitamente del desiderio che orienta la vita di Gesù, e lo qualifica in ordine al mangiare la Pasqua  con i suoi discepoli. Per un ebreo mangiare la Pasqua insieme è segno di grande comunione: si celebra la salvezza che viene da Dio, liberazione dalla schiavitù d’Egitto, segno della schiavitù del peccato, per una vita giusta e fraterna nella terra che il Signore dona al suo popolo. Questo è ciò che Gesù vuole per i suoi discepoli e per tutti gli uomini: per questo rinnova e compie definitivamente l’alleanza del Sinai con l’offerta di se stesso e della sua vita, simboleggiata nel sangue. Vivere questa realtà vuol dire riattualizzare la memoria dell’evento che ha mutato la storia dell’umanità, là dove il Dio che si è fatto servo dell’uomo ha vinto la morte.
 
(leggi tutto nel documento correlato sotto l’immagine a sinistra)

Ho tanto desiderato mangiare questa pasqua con voi
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR