Menu
S. Bernardo - Domenica 20 Agosto 2017
A+ A A-

Il sì della Camera al ddl Boschi



L’11 gennaio 2016 la Camera dei deputati ha approvato con 367 sì, 194 no e 5 astenuti le norme costituzionali per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione.

Il provvedimento, dopo essere stato approvato dal Senato, modificato dalla Camera e nuovamente modificato dal Senato (C. 2613 B), è stato approvato in via definitiva in prima deliberazione e passa ora al Senato per la seconda deliberazione, dove sarà votato senza possibilità di modifiche. Dopo il vaglio del Senato, tornerà al voto di Montecitorio per il via libera definitivo. Difatti, le leggi di revisione della Costituzione, così come tutte le altre leggi costituzionali, in seconda votazione devono essere approvate nel loro complesso (senza emendamenti) con un “sì” o con un “no” secchi almeno dalla maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera (art. 138 C).

Il voto del Senato è previsto intorno al 20 gennaio, mentre il passaggio alla Camera dovrebbe avvenire nella seconda metà di aprile.

Nell'autunno 2016, come garantito dal Governo, se la riforma non otterrà i due terzi dei consensi in Parlamento, è previsto il referendum popolare che, una volta approvata la legge, può essere richiesto da un quinto dei deputati, da un quinto dei senatori, da 500mila elettori o, infine, da cinque Consigli regionali. Il referendum è approvato dalla maggioranza dei voti validi, non è cioè previsto un quorum di votanti. Nel caso invece di mancato referendum la legge è promulgata dopo tre mesi dalla sua pubblicazione.

Come è noto il ddl, tra le varie misure, prevede la fine del bicameralismo perfetto, la riforma del Senato e l’elettività dei senatori, la modifica della disciplina del procedimento legislativo, l’eliminazione della competenza legislativa concorrente, l’abolizione delle province e del Cnel, un nuovo sistema di soglie di maggioranza per l’elezione del Presidente della Repubblica.

Per maggiori approfondimenti sulla riforma, si rimanda al Dossier n.16 della Fondazione Achille Grandi per il Bene Comune.

Ultima modifica: Martedì, 12 Gennaio 2016 12:34
Torna in alto

Ultime news dal sito

Ong e migranti, le Acli: prioritario salvare vite umane

Mai come in questo periodo le prime pagine dei giornali sono occupati da un tema molto caro alle ...

Tettamanzi, Rossini: "Esempio di una Chiesa aperta e accogliente"

Si è spento a 83 anni il cardinale Dionigi Tettamanzi. Arcivescovo di Genova dal 1995 al 2002 e d...

Venezuela, l'appello delle Acli: "Aiutateci!"

Il  Venezuela vive un momento di grande tensione politica e sociale. I quotidiani italiani r...

Le Acli ricordano Mimmo Cecchini

Le  Acli provinciali di Ascoli Piceno, con il contributo di Acli Arte e Spettacolo, ricorder...

Cattolici e politica: la lettera di Roberto Rossini al quotidiano Avvenire

La morte di Giovanni Bianchi ha riacceso il dibattito sul ruolo dei cattolici in politica. Tra i ...

Terremoto Centro Italia, un abbraccio lungo un anno

Dal 24 agosto 2016, giorno della prima scossa di terremoto nel Lazio, le Acli hanno immediatament...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui