Menu
S. Romeo - Domenica 26 Febbraio 2017
A+ A A-

XV Congresso Nazionale: le Acli per la Pace

  • Scritto da  Simone Cittadini


Il XV Congresso nazionale si svolge a Bari nel dicembre del 1981. L’accento si pone sulla costruzione di un movimento della società civile per la riforma della politica. Le direttrici lungo le quali questo movimento dovrà svilupparsi sono quelle della pace, della pianificazione globale (espressione presa dall’enciclica Laborem exercens di Giovanni Paolo II del 14 settembre 1981), della diffusione dei poteri.

Il movimento della pace si sviluppa come un riflesso della convinzione che esista nel mondo una forza più incisiva delle armi: la forza della ragione quando si esprime nelle convinzioni e nell’iniziativa convergente di milioni di persone.

La relazione congressuale del presidente Domenico Rosati fornisce precise e concrete indicazioni: centri di documentazione sui vari aspetti del problema e di corrispondente iniziativa, contatti con organismi omologhi cristiani e non e con le organizzazioni internazionali, specificazione delle scelte: crescita zero degli armamenti, abolizione del segreto militare sul commercio delle armi, rifiuto della installazione di nuovi strumenti di distruzione, identificazione di un ruolo europeo nel rapporto est-ovest, impegno sistematico per la vita e lo sviluppo

Il movimento della pianificazione globale ha lo scopo di affrontare e ridisegnare un quadro coordinato e finalizzato di interventi volti a rendere più equilibrato e meno precario il futuro che ci attende soprattutto in relazione al grave fenomeno della disoccupazione.

In concreto: contrasto alla dissennata linea neoliberista e definizione dei principali obiettivi: occupazione connessa alla riforma del lavoro, con un ruolo attivo della formazione professionale e della cooperazione. Il movimento della diffusione dei poteri intende utilizzare le opportunità già esistenti a partire dagli enti locali, e sperimentando nuovi canali, avendo come obiettivo la “spartitizzazione” delle amministrazioni a quei livelli. Si coltiva l’idea di centri locali di carattere polivalente – sotto la gloriosa etichetta dei Segretariati del Popolo – come luoghi aperti nei quali si realizza l’offerta ai cittadini dell’intera gamma dei servizi delle Acli. Non semplici sportelli, ma punti di riferimento e di sostegno in una società sempre più frammentata e sempre meno solidale.

Le Acli sono consapevoli che un simile movimento della società civile è un impegno che va ben oltre le loro forze e che esige una strategia di solidarietà popolare. 

Una strategia che, mentre sa valorizzare le diverse espressioni della società civile, sa anche raccoglierle in un’ampia alleanza attorno ad obiettivi e progetti concreti. I protagonisti di questa solidarietà e di questa alleanza sono quelli che da tempo le Acli hanno individuato. Anzitutto il movimento associativo democratico, non corporativo e il movimento cooperativo più consolidato. In secondo luogo le esperienze che abbiamo definito di «nuovo sociale»: il volontariato, le nuove forme di cooperazione, le attività autogestite e più in generale quei gruppi e movimenti di base che si costituiscono attorno a bisogni di crescita umana, di nuova qualità di vita oppure sui grandi temi della non-violenza e dell’ambiente (mozione finale del XV Congresso nazionale Acli).

Ulteriore segno di novità a Bari fu il messaggio di saluto inviato da Giovanni Paolo II: un primo varco per essere riaccolti nella comunità ecclesiale.

Ultima modifica: Venerdì, 25 Marzo 2016 10:06
Torna in alto

Ultime news dal sito

Rossini: "Seminiamo diritti contro il caporalato"

Una paga di 30 euro al giorno a fronte di 12 ore di lavoro. È questo il desolante quadro emerso d...

Ius soli, Rossini: “Subito la legge sulla cittadinanza”

“L’approvazione al Senato della legge sulla riforma della cittadinanza deve avvenire il prima pos...

Cosenza: un ricordo di Rosario Livatino

Si ricorderà Rosario Livatino nel convegno organizzato per il 25 febbraio dalle Acli insieme alla...

Coffeebreak, La7 - l'intervista a Roberto Rossini

Nella puntata del 21 febbraio di Coffeebreak, su La7, è andata in onda l'intervista al presidente...

Antonio Tiberi portavoce del Forum terzo settore Cosenza

Antonio Tiberi, vicepresidente delle Acli della Calabria, è il nuovo portavoce del Forum del terz...

Acli Colf su "Le monde diplomatique"

Nell'edizione di febbraio di "Le monde diplomatique", è stata pubblicata un'intervista in cui si ...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui