Il presidente delle Acli chiede un “lavoro buono e giusto”

Gianni Bottalico risponde a Città Nuova sugli 80 euro del governo Renzi, sul piano nazionale contro la povertà e sugli investimenti da sottrarre alla speculazione finanziaria e da usare per fare impresa. Verso il prossimo Incontro di studi delle Acli.

Sull’operato del governo renzi in tema di povertà: «Noi confidiamo sul fatto che nella prossima legge di stabilità, – che preferiamo chiamare legge finanziaria, perché la stabilità di bilancio non può essere un fine, anzi andrebbero abrogate le norme che identificano rigidamente il principio di equilibrio dei bilanci pubblici – si individuino delle risorse per avviare sin dal 2015 un Piano nazionale contro la povertà».

Sul Jobs Act e il “piano per il lavoro” di Renzi: «Abbiamo l’impressione che la semplice discussione su come rendere i contratti più favorevoli per le imprese non costituisca un guadagno né per i lavoratori né per i datori di lavoro».

Leggi l’intervista integrale

Il presidente delle Acli chiede un “lavoro buono e giusto”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR