Il risanato annuncia la salvezza

12 febbraio 2012 – VI Domenica del tempo ordinario – Anno BLa compassione fa superare barriere legislative e compiere gesti di comunione. Rendiamoci capaci di compassione per condividere la vita con i fratelli.Marco 1,40-45In quel tempo, 40 venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». 41 Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». 42 E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. 43 E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: 44 «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». 45 Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.
La fama di guaritore precede Gesù e raggiunge le persone più emarginate di quel periodo. I lebbrosi, a causa del possibile contagio, dovevano vivere al di fuori dei centri abitati e dovevano avvertire della propria presenza. Il Levitico dedica 2 capitoli (13 e 14) a vari tipi di malattie della pelle e alla funzione dei sacerdoti riguardo alla loro diagnosi, evoluzione e guarigione.
Essenziale nelle linee per dire la sostanza dell’evento, Marco è un raffinato narratore che ci mostra un lebbroso che contravviene a ogni regola di comportamento che lo riguarda. Egli sa che Gesù è la sua ultima possibilità di salvezza e si presenta a  lui in atteggiamento di preghiera, in ginocchio, manifestando la propria fede in Gesù: se vuoi. Il lebbroso non dubita della capacità di Gesù, è in forse sulla sua volontà. Il lebbroso chiede un atto di benevolenza nei propri riguardi e sa che dipende dalla volontà di Gesù. (leggi tutto nel file allegato in alto a sinistra)

Il risanato annuncia la salvezza
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR