Imu non versata: Come sanare la situazione

Essendo proprietario di un secondo immobile, oltre alla casa d’abitazione, ero obbligato a versare l’acconto Imu entro il 17 giugno scorso. Non avendo pagato come posso recuperare?
Scaduto oramai da un mese il termine del 17 giugno, entro il quale andavano effettuati i versamenti in acconto dell’Imu 2013 (ovviamente se dovuti), per chi non avesse ancora pagato l’imposta vi è la possibilità di pagare entro il 17 luglio con il “Ravvedimento breve”.
Questa formula prevede, oltre all’applicazione dell’interesse annuo del 2,5%, una sanzione fissa del 3%. Se per esempio entro il 17 giugno si sarebbero dovuti versare 100 euro, la sanzione, sarà di 3 euro (3% dell’importo dovuto).
Ma come si calcolano gli interessi?

Si prende l’importo da versare (nel caso dell’esempio 100 euro);
lo si moltiplica per l’interesse annuale (100 euro*2,5%=250 euro);
si divide il prodotto per 365, cioè i giorni dell’anno (250 euro:365=0,68 euro);
e si moltiplica a sua volta il risultato per i giorni di ritardo (0,68 euro*5 giorni di ritardo=3,4 euro di interesse).

Se invece il contribuente versasse l’Imu a partire dal 31esimo giorno di ritardo fino al termine di consegna della dichiarazione relativa all’anno d’imposta nel quale è stata commessa la violazione, pagherebbe una sanzione fissa pari al 3,75% del dovuto indipendentemente dai giorni di ritardo.
Per informazioni: www.caf.acli.it

Imu non versata: Come sanare la situazione
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR