Imu/Tasi: doppio saldo entro il 16 dicembre

Possiedo un’abitazione principale e una seconda casa locata in un altro Comune. Per il saldo Imu/Tasi del 16 dicembre, dovrò pagare esattamente gli stessi importi già versati in acconto?

Teoricamente la risposta dovrebbe essere sì, a meno che i Comuni dove si trovano le due abitazioni non abbiano modificato nel frattempo le aliquote rispetto al versamento della prima rata. Com’è noto, sulle abitazioni principali l’Imu non è più dovuta, quindi il possessore dovrà pagare esclusivamente la Tasi.

Sulle seconde case invece, a prescindere dal fatto che siano vuote o locate, l’Imu continua a essere applicata in “coabitazione” con la Tasi. La stessa Tasi, però, potrebbe essere anche azzerata qualora l’Imu avesse già di per sé raggiunto la soglia massima di prelievo.

In pratica, l’unica certezza per il calcolo del saldo può venire dalla delibera comunale pubblicata sul sito del Mef: sulla delibera, infatti, è possibile consultare le aliquote definitive stabilite per il 2014 e fare quindi un rapido confronto con quelle utilizzate per il calcolo dell’acconto.

Se nulla è cambiato rispetto alla prima rata, pari al 50% dell’imposta complessiva, vuol dire che bisognerà semplicemente versare la stessa identica cifra di giugno (oppure di ottobre per quei Comuni dove l’acconto Tasi è stato prorogato).

Se invece l’aliquota è cambiata, si dovrà necessariamente ricalcolare l’imposta annua e sottrarvi l’importo pagato in acconto.

Per informazioni: www.caf.acli.it

Imu/Tasi: doppio saldo entro il 16 dicembre
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR